CASTLE – Under Siege

Pubblicato il 27/05/2014 da
voto
7.5
  • Band: CASTLE
  • Durata: 00:33:51
  • Disponibile dal: 16/05/2014
  • Etichetta: Van Records
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

In uno splendido crocevia che si posiziona proprio a metà strada tra Iron Maiden del periodo Di’Anno, primi Metallica, Saint Vitus, Mercyful Fate, Black Sabbath e Janis Joplin, troviamo nuovamente i Castle, trio epic/classic doom di San Francisco guidato come sempre dall’ugula sovrumana e dalla presenza assolutamente regale e sciamanica della istrionica frontwoman/bassista Elizabeth Blackwell. Siamo ancora al cospetto di una band che non sbaglia mai un colpo e che sembra attingere costantemente da un’ispirazione ineffabile e inesauribile, che è stata capace di ritagliarsi una propria fetta di perfezione nell’underground, una propria nicchia di magnificenza in ambito classic-heavy che non lascerà mai più, che ha reclamato, conquistato e posseduto a gran voce, e a suon di riff indimenticabili. “Under Siege” non fa che rinforzare la reputazione dei Nostri, basandosi ancora, come sempre, più di sempre e come non mai, sulla potenza e la perfezione del riff e della voce magnetica e ipnotizzante della Blackwell. Le melodie sono assolutamente irresistibili, i riff indimenticabili, il pathos e l’intensità mostrati da manuale, la presenza, il carisma e la personalità messi in campo dal trio sono quelli dei professionisti veri, degli autentici eroi dell’underground, di coloro che creano prodotti indimenticabili e senza tempo. Riff dopo riff, assolo indimenticabile dopo assolo indimenticabile, i Castle hanno ancora una volta creato un lavoro in cui si respira classe e carisma con ogni inalazione della loro musica e che sembra interamente basato su nozioni heavy che appaiono classiche, indimenticabili, nostalgiche e senza tempo. Non c’è alcuna pretenziosità in questa musica, nessun desiderio di stravolgere alcuna regola o di travalicare quelli che sono i punti fermi e imprescindibili della gloria del metal, solo una conoscenza vastissima dei punti chiave e dell’ancestrale forza del metal nata con i Sabbath quarant’anni fa, e un tatto e una classe smisurati nel saper malleare una materia gloriosa che in pochi, pochissimi, oggi sanno maneggiare come allora. I Sabbath al posto di quelli tornati con “13” sarebbero dovuti tornare con QUESTI riff e avrebbero materializzato il trionfo, un trionfo che invece è tutto dei piccoli, grandi Castle da San Francisco. Tutti i fan della “nuova scuola” dell’heavy classico – Christian Mistress, Witchcraft, In Solitude, Graveyard, Ghost, Slough Feg, The Devil’s Blood, Ceremony, Dawnbringer – perderanno la testa per questo disco, ne siamo certi.

TRACKLIST

  1. Distant Attack
  2. Be My Ghost
  3. A Killing Pace
  4. Pyramid Lake
  5. Powersigns
  6. Labyrinth of Death
  7. Temple of the Lost
  8. Evil Ways
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.