CAUSTIC WOUND – Death Posture

Pubblicato il 10/04/2020 da
voto
7.0
  • Band: CAUSTIC WOUND
  • Durata: 00:26:27
  • Disponibile dal: 10/04/2020
  • Etichetta:
  • Profound Lore
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

La Seattle che ci piace. Non quella grunge, ma quella death metal di gente come Cerebral Rot, Mortiferum e Fetid. Dalle menti di alcuni di questi luminari nasce il progetto Caustic Wound, il quale arriva fra noi con questo “Death Posture”, primo full-length di una realtà che mira chiaramente ad operare come tributo al grindcore/death-grind dell’ondata dei tardi anni Ottanta e dei primi Novanta. Una miscela di sonorità caustiche – per l’appunto – in bilico tra i Napalm Death della prima ora – sia quelli dei seminali esordi, sia quelli più massicci del periodo “Harmony Corruption”/“Utopia Banished” – Terrorizer di “World Downfall”, Assück e Brutal Truth del debut album. Partendo dalla traccia inaugurale del disco, la titletrack, il suono si dipana lungo sentieri di assoluta cupezza espressiva, evitando accuratamente chissà quali ghirigori sperimentali. Allineandosi alla stessa idea di revival di formazioni come Machetazo o Looking For An Answer, i Caustic Wound sviluppano la propria proposta lungo coordinate rigorosamente tradizionaliste, puntando sempre su strutture essenziali e riff massicci dall’impatto il più crudo possibile, con l’intento di ricollegarsi appunto agli albori del genere. Ciononostante, il bagaglio death metal e l’esperienza maturata nelle band principali non possono essere sempre del tutto ignorati: va infatti sottolineato il lavoro che viene fatto sui rallentamenti, i quali, in episodi come “Uranium Decay” o “Cataclysmic Gigaton”, assumono una funzione decisiva nello spezzare le ritmiche serrate e nell’evocare conseguentemente atmosfere torbide e sinistre. Il gruppo si muove quindi con un certo giudizio, cercando, per quanto possibile, di non ripetersi troppo e di fondere la propria fedeltà alle origini con un minimo di maturità artistica. Alquanto apprezzabile il risultato finale: “Death Posture” non inventa nulla, ma procede ispirato tanto da fare volare via la sua mezzoretta all’insegna di immaginari catastrofici.

TRACKLIST

  1. Death Posture
  2. Cemetery Planet
  3. Visions Of Torture
  4. Black Bag Asphyxiation
  5. Terror Bomber
  6. Blast Casualty
  7. Ritual Trappings
  8. Uranium Decay
  9. Cabal
  10. Acid Attack
  11. Invisible Cell
  12. Guillotine
  13. Automated Weapons Systems
  14. Cataclysmic Gigaton
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.