CHIMAIRA – Crown Of Phantoms

Pubblicato il 09/08/2013 da
voto
7.0
  • Band: CHIMAIRA
  • Durata: 00.44.23
  • Disponibile dal: 30/07/2013
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

I Chimaira esistono. Pur ricostruiti completamente sulla testa originale, il vocalist e fondatore Mark Hunter, i componenti attuali continuano il percorso successivo all’era nu metal che li ha caratterizzati dal terzo album in poi. Una via indirizzata verso un suono freddo e spietato, senza concessioni alla melodia per quanto riguarda le vocals, dove un tappeto di synth raggela l’atmosfera restando permanentemente sullo sfondo. L’innesto di parte dei Dååth (Sean Z ed Emil Wrestler) si sente sul gusto particolare del riffing, che a volte svia dal groove glaciale per soluzioni più raffinate, anche se resta racchiuso in costruzioni più o meno lineari. Gustose anche le partiture soliste, più elaborate della discografia firmata dalla vecchia formazione. Le tastiere, come già detto, aggiungono spesso quel feeling di freddezza inanimata senza concessioni all’industrial vero e proprio. I Chimaira hanno sperimentato con molti sottogeneri affini e “Crown Of Phantoms” contiene elementi da tutti i passati esperimenti, con una particolare predilezione per ciò che gli americani chiamano ‘groove metal’. Il problema, come nel criticato self titled, è che non c’è una canzone memorabile o in grado di elevarsi, pur restando sempre su livelli qualitativi discreti. “The Machine”, “No Mercy” e “Plastic Wonderland” sono potenti ed esemplificative, non sono ripetitive ma potrebbero confondersi con almeno un’altra traccia dell’album se ascoltate distrattamente, sicuramente un difetto per gli ascoltatori non avvezzi a un certo tipo di sonorità. “I Despise” li avvicina per quanto possibile al groove dei Gojira, per un pezzo più atipico e fuori dagli schemi. “Kings Of The Shadows” mostra il lato più tetro e coraggioso del nuovo ensemble. Questi Chimaira 2.0 fanno bene insomma, se non arrivano all’eccellenza è perché non riescono a disintegrare quei pregiudizi che li vogliono troppo impegnati a recuperare un’identità che non appartiene a gran parte dei membri, troppo freschi di giunzione per suonare come una vera band, senza mastermind che lasci una grande impronta su tutto il lavoro. Benvenuti Dååthmaira.

TRACKLIST

  1. The Machine
  2. No Mercy
  3. All That's Left Is Blood
  4. I Despise
  5. Plastic Wonderland
  6. The Transmigration
  7. Crown of Phantoms
  8. Spineless
  9. Kings of the Shadow World
  10. Wrapped in Violence
  11. Love Soaked Death
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.