CHRCH – Light Will Consume Us All

Pubblicato il 19/06/2018 da
voto
7.0
  • Band: CHRCH
  • Durata: 44:10
  • Disponibile dal: 11/05/2018
  • Etichetta: Neurot Recordings
  • Distributore: Goodfellas

Purezza ed onestà sembrano essere le caratteristiche fondamentali del progetto dei post-metallers di Sacramento, ora nel rooster Neurot, al fianco dei loro paladini Neurosis. “Light Will Consume Us All” segue il primo “Unanswered Hymns” del 2015 e si struttura in tre brani doomeggianti, lunghi ed incombenti, come ci si poteva aspettare.  “Infinite Return” è la prima traccia e anche la più lunga, circa 20 minuti di brano, dove un lungo arpeggio conduce ad un abisso fumoso e disorto, si riapre in un tema chitarristico à la Subrosa, con la suadente voce di Eva Rose ad accompagnare nelle trasmutazioni degli animi, e infine di richiude in un’implosione doom epica e pallbeareriana, con un tema prima ad una sola chitarra fuzzosa e poi in polifonia. Con “Portals” il ritmo si fa più veloce e serrato, almeno nel riff iniziale, per poi chiudersi velocemente nel minimalismo più standard del verbo doom, rallentandosi sempre più, evocando attraverso i timbri della Rose e di Lemos le più mefitiche luci maledette che consumano l’essere umano, divorandolo poco alla volta e infine aprendosi di nuovo ad un’epicheggiante conclusione evocativa. La luce ci consumerà tutti, prima o poi, dicono i Chrch. Questa musica riesce a portare avanti questo presupposto. “Aether” chiude, con i suoi nove minuti finali (con la canzone più corta del disco), il discorso di minimalismo, purezza e spirito della band di Sacramento, in una maniera solenne, granitica e gargantuesca (la velocizzazione simil-black del finale è il colpo di coda definitiva!!!) un discorso già sicuramente sentito ma lungi dal consumare il suo effetto e tutta la sua efficacia. Un buon lavoro, dunque, in cui sicuramente si potrà concordare sul fatto che questi anni di doom/sludge/post-metal sono tra quelli che portano avanti nella maniera più fruttuosa e convincente le nuove tendenze della musica distorta.

TRACKLIST

  1. Infinite Return
  2. Portals
  3. Aether
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.