CIRCLE – Terminal

Pubblicato il 02/01/2018 da
voto
8.0
  • Band: CIRCLE
  • Durata: 43:20
  • Disponibile dal: 23/06/2017
  • Etichetta: Southern Lord
  • Distributore:

Sconfinata appare ormai la discografia dei finnici Circle. La cinquantina di album pubblicati negli ultimi venticinque anni ruotano per lo più attorno alla figura – ormai mitica – di Jussi Lehtisalo (unico membro originale), iniziati ormai con “Meronia” del 1991 e sfumati nei vari progetti, nei cambi di line-up e di nome, nell’inventare nuove lingue, nel trascendere gli stessi generi e punti di riferimento. Da Pori, città nella costa occidentale della Finlandia, ecco arrivare “Terminal”, una nuova piccola perla del rock sperimentale nordeuropeo, sotto l’egida della sapiente Southern Lord. La miscela di idoli collocati insieme in un unico calderone – che questa volta prende Stooges, Judas Priest, Tangerine Dreams, Neu! e Cream – porta ad un effetto pastiche di indiscutibile reminiscenza, ma al tempo stesso riesce ad inquadrare nuovamente i Circle in una dimensione qualitativa tutta loro, e del tutto degna degli anni di attività del progetto. Il surreale, il divertissement, la goliardia dell’immaginario, compreso soprattutto nella dimensione live, assurgono a paradigma della creatura di Lehtisalo, declinandosi in trip onirici come la titletrack, o nella iniziale “Rakautta Al Dente”, dove il terzetto di chitarre (i fratelli Jääskeläinen e Westerlund) la fa da padrone, e soprattutto in “Sick Child”, condensando perfettamente l’AOR, il desert-rock e il prog seventies in una combinazione esplosiva e affascinante sin dal primo riff. Le contaminazioni si frastagliano ancora maggiormente nella perla chiamata “Saxo”, dove sono le voci invece a prendere il sopravvento, con il lavoro del frontman Rättö, insieme a Westerlund, uno dei punti cardine del disco. Il sestetto, qui, diviene protagonista di una composizione funambolica e certosina, di grande perizia e di impatto immediato, come solo i più balordi e temerari riescono a portare a casa. Ancora un nome troppo sottovalutato, quello dei Circle dovrebbe essere uno dei target certi se si vuole cercare ancora una musica rock che sappia bighellonare tra i suoi cardini, giocare a carte coi suoi stessi idoli e non essere del tutto certa di prendersi sul serio.

TRACKLIST

  1. Rakkautta Al Dente
  2. Terminal
  3. Saxo
  4. Imperiumi
  5. Kill City
  6. Sick Child
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.