CIVIL WAR – Invaders

Pubblicato il 18/06/2022 da
voto
7.0
  • Band: CIVIL WAR
  • Durata: 00:50:33
  • Disponibile dal: 17/06/2022
  • Etichetta:
  • Napalm Records

Spotify:

Apple Music:

A dieci anni esatti dalla nascita della band e con tutti i relativi strascichi dei due anni appena trascorsi, gli svedesi Civil War immettono sul mercato il loro quarto album “Invaders”, incentrato nuovamente su tematiche belliche/storiche e con al centro dell’attenzione l’ingresso in formazione di ben due membri illustri. In verità abbiamo già avuto modo di saggiare la resa del vocalist Kelly Sundown Carpenter (il suo esordio coi Civil War risale al 2017), ma è la prima volta che un loro full-length in studio può vantare la presenza dell’ex frontman degli Iron Mask, nonché attuale degli Adagio. La posta in gioco è invero piuttosto alta, in quanto non è un’impresa semplice prendere il posto di un’icona dell’underground power metal come Nils Patrik Johansson, e un discorso simile si può applicare anche al nuovo chitarrista Thobbe Englund, anch’egli ex Sabaton come il tastierista Daniel Myhr e il batterista Daniel Mullback, nonché come il suo predecessore Rikard Sundén, la cui carriera è stata prevedibilmente stroncata dalla recente condanna per motivazioni che, nel caso foste interessati, vi invitiamo a consultare in rete.
Musicalmente l’album segue coerentemente quanto fatto nella prima apprezzatissima tripletta a suon di power metal, incrementando nel contempo l’elemento più possente e cinematografico, come preannunciato da una opener evocativa come “Oblivion”, le cui citazioni compositive, di carattere arabeggiante più o meno volute, la renderebbero indicata come canzone cardine di un film epico. Su “Dead Man’s Glory” e sul suo fomentante ritornello critica e community hanno già avuto modo di esprimersi, in occasione del suo rilascio sotto forma di EP, e in questa occasione possiamo affermare che dopo tre anni, anche a confronto col resto della scaletta non ha perso assolutamente il suo smalto, permettendoci inoltre di confermare che la scelta del nuovo vocalist è stata a dir poco azzeccata.
La title-track e “Heart Of Darkness” ripropongono con fare incalzante la potenza della opener, seppur con due strutture fisiche differenti, dato che tra le due la principale differenza risiede nella pienezza e nella solidità del sound, con la prima che si presenta decisamente più carica e aggressiva, rispetto a una seconda più tetra e ariosa. “Andersonville” porta tutto in chiave semi-ballad, mentre “Carry On” (che non è una cover dei Manowar) fa leva su un retrogusto quasi synth-pop per certi versi, con un chorus tanto fomentante quanto orecchiabile e una parvenza generale non lontana dalla proposta dei Beast In Black o dei Battle Beast. L’anonima “Soldiers And Kings” fatica a tenere un passo, fortunatamente recuperato in parte da “Warrior Soul”, che tuttavia pecca sul versante della personalità, presentandosi come un pezzo piuttosto derivativo, seppur sorretto da un ritornello molto efficace.
La fase finale inizia con una modulazione tra “Slaughterhouse 5”, ovvero la traccia più dark del pacchetto, e il luminoso sfoggio di doppia cassa a rotta di collo rappresentato da “Battle Of Life”, che di fatto introduce quello scoppio di adrenalina senza compromessi che ogni ascoltatore si aspetta in un disco di power metal moderno, enfatizzato da una performance da brividi da parte del sopracitato Kelly dietro al microfono. Risultato encomiabile, non replicato però nella conclusiva “Custers Last Stand”, capace comunque di difendersi bene anche con le sue connotazioni più da midtempo.
In buona sostanza, si tratta di un prosieguo ben più che dignitoso per la carriera dei Civil War, con al proprio interno diversi pezzi memorabili, così come altri tutto sommato dimenticabili; questo non permette ad “Invaders” di ergersi su un eventuale podio delle migliori uscite dell’anno, ma se apprezzate il genere un piccolo investimento per inserirlo nella vostra collezione lo farete senz’altro volentieri, come per i tre validissimi predecessori.

 

TRACKLIST

  1. Oblivion
  2. Dead Man's Glory
  3. Invaders
  4. Heart Of Darkness
  5. Andersonville
  6. Carry On
  7. Soldiers And Kings
  8. Warrior Soul
  9. Slaughterhouse 5
  10. Battle Of Life
  11. Custers Last Stand
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.