CJ SLEEZ – Play It Loud

Pubblicato il 12/01/2012 da
voto
6.5
  • Band: CJ SLEEZ
  • Durata: 00:33:46
  • Disponibile dal: 10/01/2012
  • Etichetta: Lunatic Asylum Records
  • Distributore: Self

La label nostrana fondata da Morgan Lacroix e Terry Horn dei Mandragora Scream torna nel sempre più caotico – e per qualcuno defunto – music business mettendo sotto contratto questa band canadese. Se in patria i CJ Sleez riscuotono un discreto successo, nel resto dell’Europa il loro nome fatica ad emergere, forse anche a causa di una pessima distribuzione dei vecchi album, indissolubilmente legata ai circuiti underground. Il presente “Play It Loud” non è nient’altro che una raccolta contenente alcuni brani estratti dai precedenti studio album, ideale per diffondere il provocatorio verbo predicato dall’irriverente ed omonima ex modella. I Nostri propongono un fragoroso mix tra punk, sguaiato rock’n’roll e solidi richiami foxcore, che rimandano alle sonorità brutali provenienti da Seattle nei primi anni ’90. Provate dunque ad immaginare un’estenuante jam session tra L7, MC5 e primi Hellacopters (quelli di “Supershitty To The Max”, per intenderci) ed il gioco è fatto. Sebbene non facciano gridare al miracolo, le composizioni risultano piuttosto godibili e funzionali alla voce graffiante della frontwoman, che, oltre ad un indubbio fascino, dimostra di possedere un’ugola di carta vetrata. La produzione volutamente lo-fi, ma affatto caotica, permette di mantenere inalterato il mood aggressivo e grezzo dei brani. Tra i dieci episodi qui presenti, spicca l’opener “Back To Nowhere” che, pur assestandosi su tempi elevati, risulta sufficientemente accattivante nel ritornello, così come “In The City”, probabilmente il vero highlight del lavoro. Trattasi di un vincente midtempo, nel quale melodia e adrenalina convivono in maniera passionale. I nostalgici del movimento ‘riot grrrl’ troveranno pane per i propri denti in “Lonestar” e “Gutter Dolls”, episodi dai quali trasuda indubbiamente la devozione della band nei confronti di un certo modo di fare rock. Giunti alla fine di questa breve ma intensa raccolta, rimaniamo in attesa di ascoltare un nuovo album di inediti e – perché no? – di vedere CJ Sleez e brutta compagnia in Italia sulle assi di un palco. Magari con un buon bicchiere di whiskey in mano…

TRACKLIST

  1. Back To Nowhere
  2. Bad New Day
  3. Skin Deep
  4. Hammer Down
  5. Lonestar
  6. Between Our Hate
  7. Gutter Dolls
  8. In The City
  9. Shallow Dive
  10. Lowest Lox
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.