CLOSER – A Darker Kind Of Salvation

Pubblicato il 26/01/2009 da
voto
5.0
  • Band: CLOSER
  • Durata: 00:37:55
  • Disponibile dal: 15/01/2009
  • Etichetta: Pulverised Records
  • Distributore:

Streaming:

Vengono dalla svezia e suonano un melodic death moderno e sporco di metalcore, i Closer. Ci rendiamo ben conto di quanto sia difficile oggi interpretare questo preciso tipo di genere in maniera personale e innovativa. I gruppi da cui si trae spunto sono sempre quei quattro/cinque, capisaldi che hanno percorso il genere in lungo e in largo, dicendo un po’ tutto quello che c’era da dire. Non vogliamo quindi calcare troppo la mano sulla assoluta mancanza di originalità del gruppo in questione. Ci limiteremo a dire che abbiamo tra le mani l’ennesima band che ricalca le orme di Soilwork e In Flames in maniera spudorata e a tratti perfino esagerata. “A Darker Kind Of Salvation” sembra un album fatto con gli scarti di “Soundtrack To Your Escape” (non proprio l’episodio più ispirato degli In Flames) e “Stabbing The Drama” dei Soilwork, con l’aggravante di essere quantomai ripetitivo. Le strutture dei brani non riescono a essere trascinanti come vorrebbero, sono sempliciotte e già sentite milioni di volte (vedi “Caressing The Insane”, tra le tante). I brani più aggressivi, come tentano di essere “Places Of Pain”, “Chaos Internal” o la title track, ad esempio, rimangono impigliati in strutture ridondanti e grossolane, perdendosi in aperture melodiche musicali di dubbio gusto e finendo col risultare discontinue. Gli episodi più orecchiabili (“It Dwells In Darkness”, “What I Am”) sono resi banali da un cantato monocorde, in cui le melodie sono proprio bruttine e poco incisive. Evitiamo di infierire ulteriormente parlando dei discutibli stacchi pseudo mosh o dei tentativi di sperimentazione, perchè avrete già capito che sono proprio pochi gli aspetti positivi di questo “A Darker Kind Of Salvation”. Un suono tutto sommato curato e una preparazione tecnica decente ci sono, peccato che siano le buone idee a mancare per rendere il disco almeno sufficente.

TRACKLIST

  1. Chaos Internal
  2. It Dwells In Darkness
  3. A Darker Kind Of Salvation
  4. Open Your Eyes
  5. What Am I
  6. Caressing The Insane
  7. Places Of Pain
  8. This Hate
  9. Hell Is Where The Heart Is
  10. Shelter From It
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.