CLOUDSCAPE – Crimson Skies

Pubblicato il 23/08/2006 da
voto
6.5
  • Band: CLOUDSCAPE
  • Durata: 01:00:36
  • Disponibile dal: 03/06/2006
  • Etichetta: Metal Heaven
  • Distributore: Frontiers

La risposta dei media specializzati di mezzo mondo al debutto degli svedesi Cloudscape era stata sicuramente calorosa, dove una unanimità di addetti ai lavori aveva individuato nell’omonimo dischetto elementi degni di attenzione, primi fra tutti la bravura vocale ed interpretativa del singer Mike Andersson, e nondimeno una buona capacità di arrangiamento dei brani, quanto mai ricchi di cambi di tempo e di ambientazione. Dopo un anno ecco i nostri di nuovo sugli scudi, con l’oscuro “Crimson Skies”, a cercare di bissare il successo (se non tanto di vendite, almeno di gradimento) del precedente album. Vi anticipiamo che il risultato non è stato pienamente raggiunto. Il lavoro è valido, su questo non si discute, ma ci sono alcuni aspetti che non ci convincono pienamente. Sarà che manca l’effetto sorpresa, sarà che i cinque svedesi sono stati schiacciati sotto il peso delle aspettative, ma l’album stenta a fare breccia, se non addirittura nel cuore, almeno nel cervello di chi scrive (sempre che ne sia rimasto ancora). Il trittico iniziale “Shapeshifter”/”Shadowland” e “And Then The Rain…” non colpisce per nulla, principalmente a causa di una scelta di linee melodiche tutt’altro che felici, che minano inesorabilmente la credibilità artistica di un quarto dell’album. Soprattutto la terza traccia, una specie di out-take dei peggiori Ring Of Fire di Mark Boals, sembra infinita tanto è tediosa. Per fortuna nostra (e loro) da “Take The Blame” la storia cambia, e partiamo con il ‘caldo’ dell’album, tra le ritmiche serrate e melodie vincenti (Starbreaker meets HammerFall) di “Take The Blame”, tra melodie sbilenche ed affascinanti stile Vanden Plas (“The Last Breath” e “Breach In My Sanity”) i cinque svedesi ci conducono per i paesaggi oscuri ben rappresentati in copertina. Buono l’equilibrio espresso tra cambi di ritmo e di tensione, segno di una rinnovata bravura compositiva, forse ora più concentrata sulla forma canzone di quanto fosse in passato. Un lavoro valido, quindi, ma non miracoloso, che non mancherà di appassionare chi già aveva amato l’album di esordio. Per chi scrive, comunque, era lecito aspettarsi qualcosina in più.

TRACKLIST

  1. Shapeshifter
  2. Shadowland
  3. And Then The Rain...
  4. Take The Blame
  5. The Last Breath
  6. Psychic Imbalance
  7. Hope
  8. Breach In My Sanity
  9. Demon Tears
  10. 1000 Souls
  11. Someone Else
  12. Will We Remain
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.