CLUTCH – Jam Room

Pubblicato il 30/08/2005 da
voto
8.0
  • Band: CLUTCH
  • Durata: 00:47:16
  • Disponibile dal: 07/02/2005
  • Etichetta: Megaforce Records
  • Distributore: Frontiers

La Megaforce Records con opera meritoria ripropone, a distanza di seianni dalla sua uscita, la quarta fatica degli americani Clutch, quel“Jam Room” che già ai tempi aveva raccolto numerosi proseliti,nonostante una non facile reperibilità sul mercato. I quattro americaniinfatti, tenendo fede al titolo del lavoro, ci propongono delle songimprovvisate in una stanza e che hanno la capacità di ridurre diversetipologie di musica, scritta in differenti epoche, all’essenzialità delrock. In questa sorta di riscoperta e reinterpretazione delle proprie radici, la parte del leone la fanno le partiture chesembrano uscite dal repertorio dei Led Zeppelin più veri e ruspanti,quelli dello splendido e sottovalutato “III”, opportunamente miscelaticon eroi quali Ac/Dc, Corrosion Of Conformity, Down e Black LabelSociety, come indicano ad esempio “Big Fat Pig”, “One Eye Dollar” e“Sink ‘Em Low”. Questo per quanto riguarda il versante più rock dellamusica dei Clutch. Non possono mancare poi ovvi riferimenti alsouthern/country (“Gnome Enthusiast”), al blues più viscerale e al jazz(“Swampt Boot Upside Down” e “Super Duper”), oltre che, abbastanzaincredibilmente, al reggae/dub di un maestro quale Lee “Scratch” Perry,richiamato più che altro nella sezione ritmica di “Release The Kraken”e “Release The Dub”. Nel primo dei due brani fanno capolino anche degliinstancabili sperimentatori quali furono i Faith No More; fa speciepensare come la geniale band di Patton e Bordin, alla quale si deve lacreazione di un certo tipo di crossover schizzato, sia giunta allostesso punto di sintesi raggiunto dai Clutch, che sono partiti da basicompletamente diverse e che guardano al passato piuttosto che alfuturo. Il grosso pregio della band è quindi lo riuscire adimpossessarsi di un genere musicale e farlo proprio, senza mai usciredal campo del rock. E’ solo ed esclusivamente per un fattore anagraficoche i ragazzi probabilmente non avranno il successo che meritano: sesolo fossero vissuti nei seventies, probabilmente sarebbero diventatidei cult hero. La riproposizione di “Jam Room” è quindi un atto dovutoche potrà far conoscere un gruppo intelligente e assolutamente integro.Quest’album sarebbe piaciuto tantissimo a Frank Zappa, oltre che aJimmy Page e a Mike Patton. Insieme a Corrosion Of Conformity, BlackLabel Society e Down, la miglior sensazione rock degli States. Daavere, in attesa di materiale inedito.

TRACKLIST

  1. Who Wants To Rock?
  2. Big Fat Pig
  3. Going To Market
  4. One Eye Dollar
  5. Raised By Horse
  6. Bertha's Big Back Yard
  7. Gnome Enthusiast
  8. Swampt Boot Upside Down
  9. Basket Of Eggs
  10. Release The Kraken
  11. The Drifter
  12. I Send Pictures
  13. Sink 'Em Low
  14. Super Duper
  15. Release The Dub
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.