COMA STAR – Headroom of conscience

Pubblicato il 03/04/2003 da
voto
5.0
  • Band: COMA STAR
  • Durata: 41:21:00
  • Disponibile dal: 24/02/2003
  • Etichetta:
  • Locomotive Music
  • Distributore: Frontiers

Spotify:

Apple Music:

L’ennesima band costruita a tavolino? Non ci metterei la mano sul fuoco, ma quanto emerge da queste dieci tracce sembra avvalorare questa prima impressione, e non tanto per il tremendo mix di influenze riversato in esse, ma soprattutto per via di una piattezza compositiva evidente, il che gioca a sfavore di questi Coma Star in modo categorico. Il vocalist Emmi ricorda molto Scott Weiland degli Stone Temple Pilots, ma cerca di mascherarlo ricorrendo a vocals sussurrate sullo stile di Jonathan Davies: l’iniziale “Painkiller” corre su questi due binari, con chitarre sature e un andamento oppressivo. Le successive “Everything” e “Suicide Man” non alzano il tiro, dando una sgradevole sensazione di già sentito (immaginate i Candlebox che jammano con i Pearl Jam…). Fanno capolino anche gli Staind nella successiva “Give Yourself Away”, e i Deftones nella seguente “Don’t Fit”, caratterizzata da timidi innesti funky. Va un po’ meglio con “Take Me Over”, con un refrain malinconico dal forte appeal radiofonico, così come appare decisamente riuscita “Suffocated”, song dal ritmo sostenuto, al limite dell’hardcore e da riff chitarristici dalla suggestiva architettura. La conclusiva “Forgot How To Win”, già dal titolo, sembra un inno autolesionista, conferma che puntualmente arriva dalla musica nuovamente piatta e senza personalià, ma stavolta a jammare sono Chino Moreno e gli Stone Temple Pilots. Nella bio definiscono il loro sound “U2 on Jack Daniels”: ecco, io consiglierei di lasciar perdere gli alcolici e di ascoltare con più attenzione la band irlandese, da cui si potrebbe imparare qualcosa!

TRACKLIST

  1. Painkiller
  2. Everything
  3. Suicide man
  4. Give yourself away
  5. Don't fit
  6. Diggin'
  7. Take me over
  8. Behind
  9. Suffocated
  10. Forgot how to win
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.