CONDUCTING FROM THE GRAVE – Revenants

Pubblicato il 06/12/2010 da
voto
6.0

Secondo album in studio per i deathcorer californiani Conducting From The Grave. Un album strano, a tratti impalpabile, che si fa ascoltare non senza qualche critica. Cominciamo col dire che le chitarre sono il vero punto di forza del disco: riff distruttivi alternati a palm mute pesanti come macigni. Al contrario, Greg Donnelly alla batteria sembra quasi stanco, non riesce ad essere per niente incisivo, svolgendo il proprio "compitino scolastico": accompagnamento formale e mediocre, privo di qualsiasi parte originale. Questo "Revenants" oscilla tra le influenze melodic death metal più note ed evidenti, come Dark Tranquillity e compagnia bella (il tutto è condito da intermezzi deathcore) , e il metalcore. I ritornelli, in particolar modo, sono resi accessibili da parti strumentali di chitarra facilmente comprensibili e da linee quasi melodiche. Per non farci mancare nulla, troviamo addirittura qualche piccolo accenno al black metal di Cradle Of Filth e soci (ascoltare "Nevermore" per credere). Questo senso spiccato all’originalità rende sicuramente merito al gruppo: attenzione però a non voler strafare con le intenzioni. Un disco che purtroppo molto spesso si perde tra i meandri del genere, complice un songwriting non troppo maturo e sapiente. Un album che in un primissimo momento lascia senza fiato: cattiveria gratuita e apparentemente senza fine. Il seguito è purtroppo un po’ più deludente: intermezzi quasi doom praticamente in ogni canzone fanno svanire la magia. L’album si riesce ad apprezzare quanto basta solo dopo molti ascolti, e questo non sempre è un bene, soprattutto per gli ascoltatori non troppo esperti. Buona la produzione, altrettanto buona la prestazione del singer Mikey Powell, il quale si destreggia abilmente tra un growl cupo e sinistro e uno scream veramente efficace. Un artwork "sprecato" chiude il cerchio: ci aspettiamo, da parte dei Conducting From The Grave, un ulteriore passo avanti.

TRACKLIST

  1. And Our War Will Dawn
  2. The Tyrant’s Throne
  3. Unholiest Of Nightmares
  4. Her Poisoned Tongues
  5. Path Of A Traitor
  6. Nevermore
  7. We Who Shall Conquer
  8. Curse In The Twilight
  9. Revenants
  10. What Monsters We Have Become (Pt. One)
  11. What Monsters We Have Become (Pt. Two)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.