CORNERSTONE – Two Tales Of One Tomorrow

Pubblicato il 06/03/2007 da
voto
7.0
  • Band: CORNERSTONE
  • Durata: 00:55:19
  • Disponibile dal: 23/02/2007
  • Etichetta:
  • Massacre Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Ottima prova quella fornitaci dai Cornerstone con questo “Two Tales Of One Tomorrow”, la quarta prova in studio di questo ottimo progetto melodic hard rock partorito dalle menti di Dougie White (Malmsteen) e Steen Mogensen (ex-Royal Hunt). Formatisi nel 2000, i Nostri hanno acquisito maestria ed affiatamento album dopo album, riuscendo finalmente a distaccarsi dai dettami delle band madri (specialmente i Royal Hunt), ed assestandosi su un hard rock influenzato da mostri sacri come Rainbow e Deep Purple (rigorosamente con Richie Blackmore), sempre impreziosito dalla giusta dose di personalità. Il risultato è “Two Tales Of One Tomorrow”, un disco che lascia ottime impressioni fin dal primo ascolto, rivelandosì tanto vario quanto dotato della giusta carica espressiva. E’ un Dougie White sugli scudi a sfoggiare una performance davvero memorabile, su pezzi strepitosi come l’opener “Misery”, la title-track “Two Tales Of One Tomorrow” (la nuova “Gates Of Babylon” dei Rainbow) e la ballad “Blinded”, abile nello scrollarsi di dosso le accuse di scontatezza da sempre rivolte a questo tipo di song. Un tuffo nelle sonorità degli anni settanta con la bellissima “Mother Of Mercy”, forse il pezzo migliore del lotto, dove la band al completo sfoggia una prova da manuale in un lampante esempio di strabismo divergente musicale, con un occhio rivolto ai seventies e l’altro al nuovo millenio. Una capacità compositiva sopra la media, quindi, che trova sua completa affermazione nel duo finale, composto dalle oscure “Wicked” e “We Are The Dead”, quest’ultima molto vicina alle prove soliste di Ronnie James Dio. Complessivamente possiamo quindi considerare “Two Tales Of One Tomorrow” un lavoro sicuramente interessante, dotato di grandi song e di grandi performer, che con la dovuta attenzione potrebbe permettere alla band (o project) di fare un notevole passo avanti, commercialmente parlando. Gli amanti dei Rainbow e dell’hard rock melodico devono dargli perlomeno un ascolto.

TRACKLIST

  1. Misery
  2. One Mans Hell
  3. Mother Of Mercy
  4. Two Tales Of One Tomorrow
  5. Prey
  6. Blinded
  7. Starlight And Mystery
  8. The Dance
  9. Wicked
  10. We Are The Dead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.