CORPORATION 187 – Perfection In Pain

Pubblicato il 06/01/2003 da
voto
7.0
Streaming non ancora disponibile

Che manata! Non mi viene un altro commento dopo l’ascolto di questo “Perfection In Pain”, un disco che nei suoi dieci pezzi mi ha letteralmente tolto il fiato, grazie ad una produzione pressoché perfetta, un’ottima preparazione tecnica dei musicisti coinvolti e soprattutto, cosa che più conta, una violenza sonora assolutamente da invidiare. Ancora più precisi e pesanti rispetto al debut “Subliminal Fear”, disco risalente a due anni fa che avevo già avuto modo di apprezzare e lodare ampiamente, i Corporation 187 presentano una manciata di canzoni assolutamente devastanti di stampo thrash/death, che si collocano in un’ideale via di mezzo tra i Defleshed e gli ultimi The Crown (provate ad immaginare ciò che ne viene fuori: siamo vicini al massacro totale!), con in aggiunta una produzione più chirurgica e moderna (anche per quanto riguarda la scelta del sound), che differenzia questo nuovo disco dal precedente “Subliminal Fear”, che risultava invece meno tecnico, meno potente e più attaccato a schemi old-school (anche se forse di qualità leggermente superiore). Una delle carte vincenti di questo “Perfection In Pain”, oltre all’incredibile sopracitata violenza sonora, è la bravura nel racchiudere un gran numero di idee in poco spazio (il che li accomuna soprattutto ai Defleshed); canzoni corte, ma tiratissime e foriere di un buon numero di riff e ritmiche. E’ chiaro che risulta inutile, in un disco come questo, citare un pezzo piuttosto che un altro; infatti, sebbene sia pur vero che qualche pezzo brilla particolarmente per eccellenza (e qui fanno scuola “Religious Connection”, “My Life To Kill” e “Thursday-night Aggression”), questo è un disco da sentire tutto d’un botto, e che vi lascerà psicologicamente (e anche fisicamente, perchè è difficile non muoversi ascoltando un gruppo come questo) devastati e senza fiato quando, alla fine di “The Joy Of Being Addicted” lo toglierete dal lettore cd, per poi rinserirlo appena ripresi, pronti per un’altra dose di sana violenza. E, mentre voi pregustate già la distruzione delle vostre membra in questo massacro sonoro, io finisco con un’ultima constatazione, che non mi stancherò mai di ripetere: non abbiate paura se le vecchie glorie come In Flames e Soilwork (e voglio aggiungere pure Dark Tranquillity, anche se so già che moltissimi mi criticheranno) sono ormai tramontate, perchè The Crown, Defleshed e Corporation 187 (e chi più ne ha più ne metta) prenderanno presto il loro posto al vertice della scena thrash/death scandinava, regalandovi le stesse emozioni che quei gruppi vi hanno donato in passato.

TRACKLIST

  1. Religious Connection
  2. Ghosts Of Confusion
  3. Liquid Truth
  4. My Life To Kill
  5. Thursday-night Aggression
  6. Perfection In Pain
  7. 2nd Pain
  8. Strange Is Strong
  9. Violated Relation
  10. The Joy Of Being Addicted
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.