CORPSEFUCKING ART – Quel Cimitero Accanto Alla Villa

Pubblicato il 08/10/2014 da
voto
7.0
  • Band: CORPSEFUCKING ART
  • Durata: 00:28:16
  • Disponibile dal: 24/06/2014
  • Etichetta: Sevared Records
  • Distributore:

L’utilizzo dell’ironia e del sarcasmo, accostato a forme artistiche più o meno estreme, ha sempre rappresentato, soprattutto in territorio italiano ma non solo, una potente valvola di sfogo attraverso la quale poter esprimere “in burletta” pensieri ed opinioni in merito alle più disparate tematiche ed argomentazioni, a volte andando così ad esaltare ulteriormente una parte musicale comunque interessante e curata, spesso invece nascondendo dietro alla simpatia un’innegabile carenza a livello contenutistico. Non è fortunatamente il caso dei Corpsefucking Art, veterani capitolini del death metal vecchia maniera , che con “Quel Cimitero Accanto Alla Villa”, ridendo e scherzando appunto, arrivano al considerevole traguardo del quarto studio album, tralasciando l’innumerevole quantità di uscite “minori” sfornate dal gruppo. Fin dal titolo, inversione del celebre B-movie “Quella Villa Accanto Al Cimitero” del maestro italiano dell’horror/splatter Lucio Fulci, è chiara la vena irriverente e l’attitudine “cazzona” affrontata dalla band, senza per questo sminuire il loro operato musicale, fatto di riff plettrati “aperti” in piena tradizione death metal, growl gutturali onnipresenti e tanto, tanto groove. A caratterizzare fin da subito brani come “Sympathy For The Zombie”, o la stessa titletrack ad esempio, è un ricorso molto più massiccio a tempi medio-lenti rispetto al passato, che privano almeno in parte i Corpsefucking Art dell’impeto “brutal” che possedevano lavori come il precedente “Zombiefuck” o “War Of The Toilet Gear”, senza per questo perdere niente in quanto ad ignoranza e volgarità. Dopo diversi ascolti anzi, è sicuramente ravvisabile una profondità più ricercata nello sviluppo dei brani, che porta conseguentemente ad una longevità maggiore dell’intero platter, legato a formule compositive certo ben note e già ampiamente rodate, ma assemblate con la maestria e l’esperienza propria solamente di realtà affermate o comunque “storiche” del settore. “Cat In The Brain”, “Centrifuged, Washed And Strangled”, o la fenomenale “Voracious Tomatoes”, tutti episodi dal ritmo più serrato, offrono una buona variazione rispetto alla portata principale, rappresentata da un death metal ora più arcigno, ora più catacombale, in ogni caso mai fuori dal seminato. Oltre che una conferma insomma, “Quel Cimitero Accanto Alla Villa” lascia intravedere qualche forma di sviluppo per la band romana, più posata che in passato, ma allo stesso tempo autrice di canzoni meglio resistenti all’inesorabile prova del tempo: un passo indietro e due avanti quindi per i Corpsefucking Art, nome di pregio di una scena italiana cui resta davvero poco da invidiare alle blasonate corazzate death metal d’oltre confine.

TRACKLIST

  1. Sympathy For The Zombie
  2. Cemetery By The House
  3. Night Of The Chicken Dead
  4. Cat In The Brain
  5. Blood Everest
  6. Centrifuged, Washed And Strangled
  7. The Mask Of Mr. Daisy
  8. The Song With No Name
  9. Voracious Tomatoes
  10. The Meaning Of Death
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.