COUGHDUST – A Means To An End

Pubblicato il 05/10/2014 da
voto
7.5
  • Band: COUGHDUST
  • Durata: 00:44:33
  • Disponibile dal: 24/05/2014
  • Etichetta:
  • Distributore:

Ci siamo imbattuti per caso in questi Coughdust, arrivando sul loro bandcamp da un link postato sulla pagina Facebook dei Rotten Sound. C’era un perché dietro tutto ciò. Oltretutto, potremmo recensire questo album, e questa band, visto che si tratta del loro debutto dopo un EP del 2012, con con una sola frase. Ma aspettate un attimo: avete presente quando i Rotten Sound per allungare un po’ la durata dei loro album pieni di sfuriate velocissime suonano qualche pezzo lento, con i riffoni di chitarra carichi di groove e la batteria che si riposa dettando midtempo? Ecco: i Coughdust sono questi Rotten Sound per un album intero. Addirittura, hanno anche praticamente lo stesso suono. E, se non vi bastasse, c’è anche Sami Latva, batterista proprio dei Rotten Sound in formazione. Se amate quei brani dei finlandesi, cadenzati e avvolgenti, allora gioirete all’ascolto di questi altri finnici. Riff lunghissimi, batteria suonata in relax da Latva, basso pulsante molto in evidenza e vocione gutturale a sovrastare il tutto. Brani come “Wrong”, il migliore del lotto, vi risulteranno più pesanti delle sfuriate di un minuto dei Rotten Sound, perché il contrasto fra riff di chitarra avvolgenti e successive melodie, con il basso ad appesantire in maniera determinante il suono, si rivelerà un mix trascinante. Quando sono inspirati, come in “Selective Amnesia”, i Coughdust arrangiano anche con un solo di chitarra niente male. Ovviamente non hanno scritto un album doom in quanto a tempi: pezzi come “Nothing In Common” o “The Snake And The Wheel” hanno pur sempre un andamento incalzante. Ma, d’altronde, per capirli basterebbe solo guardare la font che hanno scelto per il loro bandname. Un carattere che più corposo che non si potrebbe, con le lettere enormi, rotondeggianti e appiccicate fra loro. Ecco, la loro musica è esattamente così. Nella scaletta ci sono episodi più ispirati di altri, ma mediamente la qualità è buona sempre. Anche nel finale di disco infatti composizioni come “Walls Are My Friend” o la rockeggiante “Three To One” completano la scritta “Coughdust” sull’immaginario muro sonoro spesso un metro eretto da questi finlandesi. Rotten Sound a basso regime, made in Finland, bastano come garanzie, no?

TRACKLIST

  1. The Big Sleep
  2. The Snake And The Wheel
  3. Substitution As A Way Of Life
  4. Selective Amnesia
  5. Wrong
  6. Nothing In Common
  7. Walls Are My Friends
  8. Three To One
  9. Frozen Silver
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.