CRADLE OF FILTH – Darkly, Darkly, Venus Aversa

Pubblicato il 26/10/2010 da
voto
7.5
  • Band: CRADLE OF FILTH
  • Durata: 01:00:26
  • Disponibile dal: 01/11/2010
  • Etichetta: Peaceville
  • Distributore: Audioglobe
Che i Cradle Of Filth avessero aggiustato il tiro dopo i due tonfi consecutivi chiamati “Nymphetamine” e “Thornography”, l’avevamo capito già col precedente “Godspeed On The Devil’s Thunder”, e non sorprende pertanto ritrovare una band in salute e in grado finalmente di suonare con qualità ciò per cui è diventata famosa, ovvero quel black metal sinfonico ricco di spunti gothic e atmosfere orrorifiche, capace di stravolgere la scena estrema nella seconda metà degli anni ’90. Il nono capitolo discografico, primo per la Peaceville Records, ritorna innanzitutto a pigiare costantemente sull’acceleratore come ci dimostrano subito in avvio le sfuriate presenti in “One Foul Step From The Abyss” e “The Nun With The Astral Habit”, ottime canzoni che non si limitano a picchiare duro, curando nei minimi dettagli anche la componente atmosferica garantita dall’ottimo lavoro sintetico svolto a quattro mani dalla nuova tastierista Ashley Ellyllon e dal contributo iniziale di Mark Newby-Robson, storico collaboratore del gruppo inglese. Il paragone con i primi ed indimenticati capolavori della band non sussiste, perché la creatura di Dani Filth ormai ha cambiato pelle adattandosi a sonorità più attuali e perdendo purtroppo quell’atmosfera sinistra e grezza al tempo stesso, per far spazio ad una produzione cristallina, che permette d’altro canto di apprezzare con chiarezza le innumerevoli sfumature sonore dei vampiri d’oltremanica. Dani interpreta il concept gothic-horror incentrato su un’ipotetica rinascita di Lilith (la prima moglie di Adamo), come divinità nella società moderna, col suo solito carisma confermandosi in crescita espressiva, grazie ad una performance che tra scream, growl, parti recitate e gli immancabili acuti dividerà come sempre l’opinione pubblica. Ma al di là della discussa timbrica vocale del singer anglosassone, “Darkly, Darkly, Venus Aversa” ci regala per lo meno una decina di buone canzoni in grado di garantire anche una certa varietà stilistica in linea con le evoluzioni tematiche dell’opera. Si passa dalle strutture complesse di “The Spawn Of Love And War”, alle voci femminili determinanti nelle folate gothic di "Lilith Immaculate” e “Forgive Me Father”, senza trascurare l’ispirato riffing thrash metal di un’accattivante “Deceiving Eyes” o il ritmo ossessivo presente in “The Persecution Song”. Nonostante questa piacevole varietà d’intenti i Cradle Of Filth riescono a mantenere la giusta compattezza di fondo, perdendo convinzione solo nell’eccessiva vena sinfonica di una discutibile “Harlot On A Pedestal” e confermando altrove l’importante tela tessuta dalle chitarre, rinvigorite dal rientro in formazione di James Mcilroy. Sarà che li avevamo dati per bolliti, sarà che una simile ferocia nelle ritmiche non la sentivamo da anni nel songwriting della band, fatto sta che “Darkly, Darkly, Venus Aversa” ci ha sorpresi positivamente e, ne siamo sicuri, è pronto a sorprendere anche voi!

 

TRACKLIST

  1. The Cult of Venus Aversa
  2. One Foul Step From the Abyss
  3. The Nun With the Astral Habit
  4. Retreat of the Sacred Heart
  5. The Persecution Song
  6. Deceiving Eyes
  7. Lilith Immaculate
  8. The Spawn of Love And War
  9. Harlot On A Pedestal
  10. Forgive Me Father (I Have Sinned)
  11. Beyond the Eleventh Hour
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.