CRADLE OF FILTH – Hammer Of The Witches

Pubblicato il 14/07/2015 da
voto
7.5
  • Band: CRADLE OF FILTH
  • Durata: 00:56:08
  • Disponibile dal: 10/07/2015
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

I Cradle Of Filth, da sempre, sono una di quelle band che divide le opinioni: seminali iniziatori di un intero filone del black metal per alcuni, ridicoli e furbescamente commerciali per altri. In mezzo, i giudizi più disparati. E’ innegabile che la band di Dani Filth abbia composto ottimi album e sia inciampata anche in qualche pessimo lavoro, ma la media è sempre stata più che accettabile. Un lungo battage ha preceduto questo “Hammer Of The Witches”, definendolo un ritorno alle sonorità di “Midian”; da subito possiamo dire che l’uscita di Paul Allender ha contribuito ad un sound molto meno influenzato dal thrash, anche se qualcosa di questo aspetto è rimasto. I Cradle Of Filth si assestano sulla loro classica interpretazione di black metal, così come era stato, in effetti, fino al già citato “Midian”, ma uniscono ed in qualche modo sperimentano (“Enshrined In Crematoria”, per esempio, è retta da un riffing ostentatamente NWOBHM, se non maideniano di certo molto inglese), con l’onnipresente voce di Dani Filth che se ha perso qualcosa nei suoi celebri acuti (cosa più che normale col passare degli anni), ha – forse – guadagnato in interpretazione. Il disco procede bene, con tempi veloci, tastiere, voci femminili ed il classico stile barocco della band (come in “Deflowering The Maidenhead, Displeasuring The Goddess”), alternati a cambi di atmosfera repentini (“The Vampyre At My Side”). Non abbiamo, certo, i fasti di “Dusk And Her Embrace” o “Cruely And The Beast”, o la decadente blasfemia di “The Principle Of Evil Made Flesg” e “V Empire”, ma abbiamo sicuramente una band che ha ritrovato una grande freschezza compositiva (la melodia delle chitarre di “Blackest Magick In Practice” si imprime in testa subito), mentre la title track si attesta su un classico sound CoF, risultando (forse) il pezzo se non più debole, quello più “scolastico”. E poi c’è quello che molti di voi avranno già sentito: “Right Wing Of The Garden Triptych”, singolo che precede il disco e che ne è completamente dissociata. L’inizio è un palese scippo ai Nightwish, poi si fa un po’ più tirato e “cattivo”, alternando parti veloci ad altre più melodiche; l’impressione è che Dani Filth e soci abbiano voluto creare un pezzo accattivante e commerciale, ma se questo voleva risultare in una nuova “Nymphetamine”, il tentativo fallisce. Certo, l’incipit del pezzo incuriosirà gli amanti delle sonorità più morbide e commerciali ma, per contro, potrebbe indispettire tutti gli altri. Comunque, resta un episodio isolato, dato che prima di chiudere il gruppo torna sulle sonorità che ci hanno accompagnato durante tutto l’ascolto di questo “Hammer Of The Witches”. Sicuramente siamo lontani dai migliori dischi dei Cradle, ma questo ultimo lavoro amplia e migliora quanto già ascoltato in “Darkly, Darkly, Venus Aversa” e, dopo lungo tempo, Dani riesce a ritrovare due peculiarità che la band aveva perso: in primo luogo non c’è l’esagerata prolissità che troppe volte ha trasformato ottime canzoni in noiose esibizioni di stile; secondariamente, a parte il già citato singolo, i Cradle Of Filth non cercano la strada facile con trovate che catturano al primo ascolto, ma stufano presto. Questo disco non ha la classica immediatezza del gruppo, ma cresce con gli ascolti. Il voto che trovate vuole essere un incoraggiamento all’ascolto; se siete tra coloro che hanno depennato i Cradle Of Filth dopo il periodo “Nymphetamine / Tornography”, provate a ridare una chance al “piccolo” Dani, ad ascoltare senza pregiudizi questo disco. Potreste far pace con quella che, piaccia o no, resta una gran band e, sicuramente, trovare almeno due o tre ottime canzoni.

TRACKLIST

  1. Walpurgis Eve
  2. Yours Immortally…
  3. Enshrined In Crematoria
  4. Deflowering The Maidenhead, Displeasuring The Goddess
  5. Blackest Magick In Practice
  6. The Monstrous Sabbat (Summoning The Coven)
  7. Hammer Of The Witches
  8. Right Wing Of The Garden Triptych
  9. The Vampyre At My Side
  10. Onward Christian Soldiers
  11. Blooding The Hounds Of Hell
7 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.