CRASHDIET – Rust

Pubblicato il 22/09/2019 da
voto
7.0
  • Band: CRASHDÏET
  • Durata: 00:43:30
  • Disponibile dal: 13/09/2019
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore:

La storia dei Crashdiet, come noto, non è delle più fortunate. Formatisi ad inizio anni ’00 – quando il Sunset Strip aveva messo radici a Stoccolma, sull’onda del successo di band come Backyard Babies e Hardcore Superstar -, i quattro svedesi trovano subito la via del successo con l’indimenticabile “Rest in Sleaze”, salvo poi restare orfani l’anno successivo del cantante Dave Lepard (morto suicida), iniziando così una girandola di avvicendamenti dietro il microfono giunta ora al quarto innesto in cinque album. Non sappiamo se il nuovo entrato Gabriel Keyes sarà quello definitivo, ma di sicuro il suo impatto su “Rust” lascia ben sperare, togliendo di dosso la ruggine citata (ironicamente?) nel titolo dopo sei lunghi anni di inattività discografica. Fin dallo scoppiettante trittico d’apertura – la titletrack, “Into The Wild” e “Idiots”-, è evidente la volontà di Martin Sweet e soci di ‘pompare’ il proprio sound con un’attitudine più metallica (ribadita anche nel mid-tempo “Parasite” e nella velocissima “Reptile”, al limite dello speed metal), utile a mostrare i muscoli dopo una prolungata assenza. Il legame con gli anni ’80, e con il sound forgiato da Guns ’N Roses e Motley Crue, resta comunque tatuato sulla pelle pentagrammata del quartetto di Stoccolma, e così tra l’anthemica “In The Maze”, la party-song “Crazy”o la classica ballad scioglimascara (“Waiting For Your Love”, con gli immancabili synth), il revival prosegue come da copione fino ai fuochi d’artificio finali di “Filth & Flowers”, perfetta per chiudere gli show dal vivo. Nel complesso, al netto del già citato irrobustimento del sound, niente di nuovo sul Sunset Strip di Stoccolma, ma chissà che la lunga attesa e la moda degli anni ’80 non portino fortuna ai Crashdiet, una band che con la Dea bendata ha un conto aperto ormai da tempo.

TRACKLIST

  1. Rust
  2. Into The Wild
  3. Idiots
  4. In The Maze
  5. We Are The Legion
  6. Crazy
  7. Parasite
  8. Waiting For Your Love
  9. Reptile
  10. Stop Weirding Me Out
  11. Filth & Flow
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.