CREMATORY – Monument

Pubblicato il 03/04/2016 da
voto
6.0
  • Band: CREMATORY
  • Durata: 00:42:00
  • Disponibile dal: 15/04/2016
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Nonostante una discografia recente un po’ troppo qualitativamente altalenante – aspetto tutto sommato comprensibile, per un gruppo giunto tra alti e bassi al tredicesimo album in carriera -, c’era una certa curiosità intorno all’ultimo lavoro del sestetto di Mannheim, per capire se Felix & co. sarebbero stati in grado di bissare il successo del penultimo Antiserum” (per chi scrive, insieme a “Klagebilder”, il disco migliore da quindici anni a questa parte). La mezza rivoluzione occorsa in seno alla line-up, con l’uscita lo scorso anno dei due chitarristi e del bassista, non sembra avere cambiato più di tanto le carte in tavola, e dunque la più longeva gothic-metal band crucca si ripresenta ai nastri di partenza con il consueto stuolo di comparativi (chitarroni, vocione, tastierone), ma purtroppo conferma anche stavolta la regola che la vuole incapace di infilare un filotto di dischi vincenti. Accantonata quasi del tutto la svolta EBM che aveva donato una nuova giovinezza al suo predecessore, “Monument” gioca la carta del cantato in tedesco per movimentare un po’ le acque – ben quattro i pezzi in lingua madre, strizzando l’occhio al pubblico di casa da sempre benevolo verso i discepoli della Neue Deutsche Härte -, ed in effetti le varie “Haus Mit Garten”, “Eiskalt” (molto Eisbrecher fin dal titolo), “Falsche Tränen” e “Die Letzte Schlacht” sono tra gli episodi migliori. Sul versante anglofono, da segnalare le più danzerecce “Die So Soon” e “Nothing”, mentre tra i colpi a vuoto segnaliamo “Misunderstood” (il ‘solito’ singolo targato Crematory), “Everything” (la brutta copia di “Caroline”), e l’accoppiata “My Love Within” / “Save Me” (fintamente cattiva la prima, soporifera la seconda). Tirando le somme, siamo leggermente al di sopra rispetto a “Pray” e “Infinity”, ma comunque non oltre una stiracchiata sufficienza. Il monumento della copertina resta quello ai caduti, sperando che, come al gioco dell’oca, siano in grado di tornare avanti al prossimo lancio di dadi.

TRACKLIST

  1. Misunderstood
  2. Haus Mit Garten
  3. Die So Soon
  4. Ravens Calling
  5. Eiskalt
  6. Nothing
  7. Before I Die
  8. Falsche Tränen
  9. Everything
  10. My Love Within
  11. Die Letzte Schlacht
  12. Save Me
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.