CREMATORY – Revolution

Pubblicato il 14/06/2004 da
voto
5.0
  • Band: CREMATORY
  • Durata: 00:46:42
  • Disponibile dal: /05/2004
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Spiace dirlo, ma il come back album dei Crematory lascia alquanto a desiderare. Scioltasi circa tre anni fa per motivi non molto chiari, la band del gigantesco frontman Felix non ci ha messo molto a tornare sui propri passi, promettendo addirittura folli sperimentazioni nel disco che sarebbe venuto. Da qui il titolo “Revolution” che però, una volta ascoltate le tracce in esso contenute, non sembra molto appropriato. I Crematory alla fine sono rimasti fedeli allo stile espresso negli ultimi lavori, ovvero gothic metal robusto e non molto raffinato, basato molto sui synth e sull’alternanza tra growl e voce pulita, quest’ultima chiamata sempre in causa all’altezza dei ritornelli. Quindi la maggior parte delle canzoni di “Revolution” avrebbe potuto comparire anche su “Believe” e “Act Seven”… anche se qui la qualità è nettamente inferiore. Le melodie dei pezzi infatti raramente sono vincenti e il tutto manca spesso di pathos e dinamicità. Un compitino fatto senza troppa attenzione. Poi ci sono le eccezioni… cioè quei brani dove davvero si ascolta qualcosa di nuovo… di nuovo per i Crematory, ovviamente! L’iniziale “Wake Up”, preceduta dall’immancabile e ultra prolisso intro ‘alla Crematory’ (questa volta almeno non è presente il parlato in tedesco!) nel ritornello ricorda gli ultimi In Flames. In “Tick Tack” si scimmiottano i Rammstein mentre “Reign Of Fear” e “Open Your Eyes” sono due pezzi dalle cadenze dance che sembrano fatti apposta per sfondare nel ricettivo mercato dark-electro tedesco. Il resto, come detto, è tipico gothic Crematory style… dal discreto singolo “Greed” alla solita conclusiva ballatona pianistica, che questa volta porta il titolo di “Farewell Letter”. In verità di cose particolarmente scandalose in questo disco non ce ne sono: tralasciando le ‘sperimentazioni’, tutte piuttosto sconclusionate, è semplicemente l’intero lotto di canzoni presentato ad essere complessivamente scadente e a non reggere il confronto con i vecchi album, tutti lavori tutt’altro che perfetti ma piu’ o meno godibili e tutto sommato curati. Perché tornare in queste condizioni? Poca ispirazione e apparantemente poco entusiasmo… ecco come macchiare irrimediabilmente una buona carriera.

TRACKLIST

  1. Resurrection
  2. Wake Up
  3. Greed
  4. Reign Of Fear
  5. Open Your Eyes
  6. Tick Tack
  7. Angel Of Fate
  8. Solitary Psycho
  9. Revolution
  10. Human Blood
  11. Red Sky
  12. Farewell Letter
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.