CRIPPLE BASTARDS – Variante Alla Morte

Pubblicato il 23/09/2008 da
voto
8.0
  • Band: CRIPPLE BASTARDS
  • Durata: 00:32:07
  • Disponibile dal: /09/2008
  • Etichetta: Feto Records
  • Distributore: Goodfellas

I Cripple Bastards ci hanno messo cinque anni a dare un seguito a “Desperately Insensitive”. Ci si chiedeva per quale motivo i nostri stessero impiegando così tanto tempo per realizzare un nuovo full-length, ma tutto risulta chiaro dopo solo mezzo ascolto di questo attesissimo lavoro della leggenda grind nostrana. “Variante Alla Morte” è il disco più curato della carriera dei Cripple Bastards, sotto qualsiasi punto di vista. Registrazione affidata niente meno che a Fredrik Nordström e agli svedesi Studio Fredman, testi di una profondità estrema e, soprattutto, una tracklist con una marcia in più. Bastano le quattro tracce che aprono il disco per comprendere lo stato di grazia di Giulio The Bastard e soci: musica come sempre violentissima, nervosa e totalmente negativa, ma che questa volta ha la grandiosa capacità di attrarre l’ascolto, di risultare accattivante, senza però mai scadere in facilonerie. Del resto, stiamo sempre e comunque parlando della “Italy’s purest personification of Hate” e del suo ormai celebre “hate-grind”, quindi che nessuno tema “svolte commerciali” o amenità simili. Stilisticamente, quello che i Cripple Bastards propongono su “Variante Alla Morte” non è lontano anni luce da quanto confezionato su “Desperately…”, anzi. Ciò che qui fa la differenza è una straordinaria e, sino a poco tempo fa, inedita abilità di mettere insieme una tracklist mutevole, che cambia in continuazione volto e che non si limita a riutilizzare il solito catalogo del genere. Per tutto l’arco del CD, schegge di pochi secondi si alternano a composizioni – vedi la splendida “Stupro E Addio”, ad esempio – assai più complesse, strutturate in maniera personalissima e ricche di soluzioni che guardano ben oltre i classici schemi death-grind o noise hardcore. C’è groove, c’è dinamismo, c’è persino orecchiabilità. Tutto suona più rotondo, ma anche ben più impattante del solito. “Variante Alla Morte” è insomma un disco che rimane del tutto in sintonia con l’attitudine nichilista e demolitrice tipica della band, ma, allo stesso tempo, è un lavoro che offre di più, che sconfina e che in ogni episodio risulta avvincente. Non esitiamo un secondo a inserirlo nella lista dei migliori album grind degli ultimi anni.

TRACKLIST

  1. Faccia da contenitore
  2. Variante alla morte
  3. Pedinati
  4. Allergie da contatto
  5. Insofferenza
  6. Lo sfregio e le sue ombre
  7. Inverno nel ghetto
  8. Spirito di ritorsione
  9. L'uomo dietro al vetro opaco
  10. Sorriso decubitale
  11. Stimolo chimico
  12. Cedimento strutturale
  13. Sangue chiama
  14. Implacabile verso il suo buio
  15. Stupro e addio
  16. Confessionale in b&n
  17. Marchio catastale
  18. Gli anni che non ritornano
  19. Karma del riscatto
  20. Regredito a che punto
  21. Falsificato ideale
  22. Sottoposti al taglio
  23. Conquista dell'isolamento
  24. Auto-azzeramento
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.