CRISIS – Deathshead Extermination

Pubblicato il 01/01/1996 da
voto
9.0
  • Band: CRISIS
  • Durata: 00:50:31
  • Disponibile dal: //1996
  • Etichetta:
  • Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe
Streaming non ancora disponibile

Dopo un primo, preliminare ascolto del disco in questione, nel tentativo di rendersi conto che genere di sonorità i Crisis propongano, è probabile che l’incauto fruitore possa rimanere del tutto basito e disorientato da ciò che si ha appena ascoltato: l’impressione più reale, probabilmente, è quella di aver finalmente chiuso, dopo cinquanta minuti di tentato esorcismo, la porta della stanza di Regan, la bimba posseduta protagonista de “L’Esorcista”, ed essersi salvati per miracolo. Causa di tali sensazioni è la fenomenale voce di Karyn Crisis, frontgirl del gruppo, graziosa fanciulla che, in modo assolutamente naturale, alterna dolci litanie a grida strazianti, esibendo una versatilità eccezionale, passando da vocals pulite al growl (un growl mai monocorde comunque, ricco di sfumature diverse) nel giro di pochi centesimi di secondo. Sulle sue piroette vocali, poi, intervengono gli altri componenti del gruppo a forgiare i brani, creando un sound originale e mai banale, classificabile sì come death metal, ma senza dare scontati punti di riferimento, né influenze marcate. Infatti non ci si trova di fronte al classico death floridiano, tanto meno trattasi del suono parossistico dei gruppi svedesi: la melodia è poca e non immediata (con qualche eccezione, vedi la song “Wretched”, la migliore del lotto, per chi scrive) ed il disco è molto sofferto, cerebrale, cupo e disturbante. Si intravede qualche reminiscenza dei Death, per l’intrico delle trame sonore, oppure viene esibita un’attitudine stile primi Carcass, vista la freddezza e la precisione chirurgica (oltre all’artwork splatter, preparato dalla stessa Karyn) che emanano i solchi del CD. I riff del pakistano (!) Afzaal Nasiruddeen sono efficaci nella loro ruvidità, mai ruffiani ma comunque avvincenti; la sezione ritmica (Fred Waring alla batteria e il sudcoreano Gia Chuan-Wang al basso) si ritaglia spazi da protagonista, tessendo le proprie trame con fantasia e abbondante tecnica. Grosso merito, nel plasmare a meraviglia questo “Deathshead Extermination”, va attribuito anche alla diversa etnia d’origine dei membri della band: non si riscontrano evidenti passaggi folcloristici, ma il connubio fra diverse culture ha certamente contribuito a rendere unico il songwriting dei Crisis. Tornando alla micidiale Karyn, sono opera sua anche le lyrics dell’album, riflettenti in pieno la personalità contorta della loro autrice: scritte sempre in prima persona, sono pregne di rabbia e negatività alla ricerca di una valvola di sfogo, smarrimento, volontà di fuga, violenza psicologica, vuoto interiore; e le parole usate rispecchiano la crudezza degli argomenti trattati, analizzando freddi scenari di brutali realtà. Riteniamo tale disco uno dei lavori migliori, e allo stesso tempo sottovalutati e sconosciuti, mai usciti in ambito death: pochi fronzoli, nessun orpello elettronico, una produzione precisa, tagliente, scarna il giusto e, soprattutto, adatta al mood delle canzoni; un’interpretazione senza difetti da parte del quartetto multietnico e pezzi che comunque lasciano qualcosa dentro. Particolarmente indicato per sfogare tensioni accumulate e odio inesploso.

TRACKLIST

  1. Onslaught
  2. Working Out The Graves
  3. Wretched
  4. The Watcher
  5. Deadfall
  6. Methodology
  7. Bloodlines
  8. Nowhere But Lost
  9. Different Ways Of Decay
  10. Prisoner Scavenger
  11. 2 Minutes Hate
  12. Aftermath
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.