CRITICAL EXTRAVASATION – Order of Decadence

Pubblicato il 22/11/2022 da
voto
7.5
  • Band: CRITICAL EXTRAVASATION
  • Durata: 00:32:51
  • Disponibile dal: 18/11/2022
  • Etichetta:
  • Redefining Darkness Records

Spotify:

Apple Music:

Storia triste e purtroppo decisamente attuale, quella dei Critical Extravasation, band russa i cui membri sono stati di recente costretti a fuggire dal proprio paese per non servire sotto il regime di Putin.

“Sembra un po’ sbagliato pubblicare musica in questi tempi difficili. Le persone stanno soffrendo e noi stiamo pubblicando musica. Sfortunatamente, gli accordi riguardanti l’uscita dell’album erano stati presi prima dell’inizio della guerra. Tutti i membri della band sono ora fuggiti dalla Russia. Alexander (voce) è attualmente in Polonia, Sergey (chitarra) in Kazakistan e Victor (basso) è nel Regno Unito. Nessuno di noi vuole servire il folle fuhrer. I pensieri sulle atrocità commesse dal regime di Putin aleggiano costantemente nelle nostre menti. Il nostro sostegno va al popolo ucraino e ai russi che si oppongono al regime. Molti dei testi del nostro album sono contro il regime attuale”.

Le tempistiche di uscita non sono forse ottimali, ma “Order of Decadence” resta un album estremamente gradevole, in cui i Critical Extravasation tendono a mescolare un impianto sghembo, tendenze progressive e la vivacità e la mordacità del death-thrash. La componente più diretta e aggressiva è assorbita dentro l’orbita di un suono che cerca sempre qualche finezza e il cambio di tempo ingegnoso, senza tuttavia scadere mai in soluzioni troppo criptiche o pretenziose. D’altronde, la produzione pulita e scattante che avvolge il disco la dice lunga sulle intenzioni del terzetto, il quale sa sì percorrere linee oblique e corrosive, ma senza mai dimenticare una certa immediatezza di fondo, un impatto fresco che rende l’album godibile e decifrabile sin dal primo ascolto.
Tutto il lavoro è un continuo mutare di ritmi e di sensazioni: a momenti di riflessione e parentesi sincopate seguono fiammeggianti irruzioni e rabbiosi strappi death-thrash, al sogno onirico subentra il risvegliarsi brusco nel reale. I punti di riferimento, a livello stilistico, sono quelli ‘classici’ per questo genere: Pestilence dei primi anni Novanta, Death, vecchi Sadist… a questi grandi nomi ci sentiamo tuttavia di aggiungere qualche richiamo più nascosto: le melodie di un pezzo come “Feast on Dreams” ci hanno infatti ricordato molto i polacchi Sceptic, quelli di “Pathetic Being”, mentre qua e là aleggia forte il techno-thrash spiazzante e fantasioso dei russi Aspid, autori del cult album “Кровоизлияние (Extravasation)” nel lontano 1993. Dopo tutto, il nome che i ragazzi hanno scelto per la loro band parla piuttosto chiaro: i Critical Extravasation sono probabilmente nati dopo avere scoperto e ascoltato anche e soprattutto le vecchie gesta dei loro connazionali.
La miscela sonora del trio è insomma stretta partente di quella delle formazioni succitate: questo approccio tecnico e virtuoso al thrash e al death metal non produce niente di strettamente originale – le mirabolanti sovrastrutture dei Vektor sono un’altra cosa – ma il risultato finale resta comunque molto piacevole, in quanto frutto di un songwriting competente, lucido e preciso. Sono molti i riff e gli spunti accattivanti all’interno di “Order of Decadence”, disco che ci sentiamo di consigliare a chi ha apprezzato particolarmente la recente fatica dei nostri Miscreance e a chi attende trepidante il ritorno dei cileni Ripper, due delle realtà techno-death-thrash più valide al momento in circolazione che senza dubbio hanno più di qualcosa in comune a livello di attitudine con i ragazzi russi.

TRACKLIST

  1. Waltz of Hypocrisy
  2. Clotted Negligence
  3. Doctrine of Atrophy
  4. Feast on Dreams
  5. Redeeming Flames
  6. Devastating Virtue
  7. Derniers Mots
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.