CROHM – Failure In The System

Pubblicato il 03/03/2020 da
voto
6.5
  • Band: CROHM
  • Durata: 01:04:48
  • Disponibile dal: 07/02/2020
  • Etichetta:
  • Distributore:

Spotify:

Apple Music:

Gli italiani Crohm sono la prima formazione heavy metal cui la Valle D’Aosta abbia dato i natali, nel lontano 1985. Come accaduto a molti colleghi di quel periodo, la formazione non è riuscita fare il botto negli anni Ottanta e si è sciolta; successivamente si sono presentati tutti i presupposti per una reunion, mentre per ascoltare il loro primo CD si è dovuto attendere fino al 2015. “Failure In The System” è quindi il disco in studio numero tre per i Crohm, che propongono un heavy metal classico non eccessivamente pesante e ricco di influenze prese in prestito dalla vecchia scena rock degli eighties. Canzoni come “Castle Of Sand” e “The Man Without Voice” ad esempio sono intrise di tinte dark/new wave, merito soprattutto delle linee vocali interpretate da Sergio Fiorani, rese più muscolose dalle ritmiche tipicamente metal. Con “What Is Behind” invece, la band preme sull’acceleratore e sfodera un brano al confine tra speed e thrash metal, potente, diretto e molto aggressivo. L’ascolto prosegue con “My Brother”, più vicina a sonorità figlie dei Metallica di inizio anni Novanta, quelli del omonimo album tanto per intenderci. Interessante la versione metal di “Eleanor Rigby”, brano dei Beatles, qui stravolto e ricoperto di cromature di metallo fumante. Gli ultimi due capitoli di questo album sono pezzi storici risuonati e riregistrati da zero, “Legend And Propohecy” e la heavy folk version di “Mountains”, sognante e melodica.
Attitudine e buona dose di potenza non mancano, anche la discreta produzione rende l’ascolto piacevole, ma “Failure In The System” difetta di brani memorabili: un album per essere ricordato negli anni a venire necessita di almeno un paio di potenziali hit in grado di far fare alla band il salto di qualità. Questo purtroppo non avviene in casa Crohm, a causa di una musica per certi versi troppo derivativa e non ancora matura al punto giusto.  Per lasciare il segno è necessario spingere ulteriormente, resta il fatto che “Failure In The System” rimane un disco di heavy metal gradevole, sanguigno e grezzo quanto basta.

 

TRACKLIST

  1. Failure In The System
  2. Restart
  3. Castles Of Sand
  4. What Is Behind?
  5. My Brother
  6. Deep Blue
  7. Eleanor Rigby (Cover)
  8. Until You Disappear
  9. The Man Without Voice
  10. Ride The Storm
  11. Fire And Ice
  12. The Wash-Sin Machine
  13. Legend And Prophecy (2019)
  14. Mountains (Heavy Folk Version 2019)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.