CROMO – Unchained

Pubblicato il 01/06/2012 da
voto
6.0
  • Band: CROMO
  • Durata: 00:25:38
  • Disponibile dal: 06/04/2012

Spotify:

Apple Music:

Questo sostanzioso EP (25 minuti di durata per 5 canzoni) targato Cromo ci presenta una giovane realtà italiana alle prese invece con un sound di altri tempi. Presentazione estratta di peso dalle note biografiche accompagnanti il promo in nostro possesso, ma che effettivamente rende bene l’idea del sound che vi troverete davanti una volta infilato “Unchained” nel vostro lettore. Il sound che esce dalle casse durante la prima canzone “Hitchhiking” è infatti fortemente debitore dei primi anni ’80 e ci mostra subito un heavy rock con suoni e produzione presi dal metal classico, ma dal piglio e tematiche strappate invece dall’hard rock di matrice AC/DC, peraltro anche citati nel banalotto testo: “I’m hitchhinking on the highway to hell’. Un’introduzione che ci mette bene in chiaro le intenzioni del gruppo ma che, come dicevamo, risulta un po’ troppo dozzinale ed influenzata dall’attitudine scanzonata e stradaiola dell’hard rock per apprezzare a pieno le radici classicamente metal citate dalla band. La cosa non migliora con la successiva “Heavy Metal Lover”, ancora una volta parzialmente affossata da un songwriting semplicistico e derivativo, che non rende giustizia al buon chitarrismo mostrato da Clod, soprattutto in fase solistica, e alla ruvida ugola di Blade. Ancora una volta limitati da una struttura  rockeggiante e divertente, ma troppo poco personale e dinamica per colpire la nostra attenzione, i Cromo si riscattano invece completamente con la seconda parte del disco, quella che mette bene in chiaro di che pasta siano fatti i Cromo e che definisce bene i paletti all’interno dei quali la band dovrà muoversi in una futura release. La corta intro “Storm Warning” ci introduce infatti alle spaziali tastiere (anch’esse fortemente ottantiane nel suono quasi alla Europe) di “Tides of Flood”, piccolo masterpiece di heavy melodico con continui richiami ai maestri del genere. La voce di Blade qui trova finalmente una valvola di sfogo nella forma di linee vocali riuscite e ficcanti, perfettamente supportate da un chitarrismo più meditativo e meno stradaiolo da parte di Clod, perfettamente integrato nelle atmosfere create dalle evocative tastiere. Lo stacco centrale rallentato con le chitarre pulite che troviamo intorno al quarto minuto, dopo un corto stacco affidato ai soli synth, ci mostra anche un’apertura a frangenti più melodici e ad un songwriting più maturo, che dopo i primi due, banali, pezzi non ci saremmo aspettati. Dopo questo clamoroso riscatto, i Cromo rialzano decisamente le sorti del loro EP proponendoci una dopo l’altra la ancora più melodica “Shine My Star”, ballad elettrica dalle buone intuizioni vocali e soliste, e la più progressiva “Wasted Time”, dalla struttura imprevedibile e da un inaspettato mood più riflessivo e cupo, quasi blueseggiante. La varietà e la classe mostrate nelle ultime tre canzoni perdonano l’eccessiva semplicità delle prime due tracce, convincendoci a promuovere per ora questo lavoro, aspettando con curiosità un’uscita su tempi più lunghi, in cui valutare come la band cercherà di fondere le varie influenze che mostra di avere con questo suono d’altri tempi crudo e genuino, che grazie alla produzione dedicata sono riusciti così bene ad ottenere. Con un songwriting più uniforme ed attento potrebbero riservarci delle sorprese.

TRACKLIST

  1. Hitchhiking
  2. Heavy Metal Lover
  3. Storm Warning
  4. Tide Of Flood
  5. Shine My Star
  6. Wasted Time
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.