CRUACHAN – Blood For The Blood God

Pubblicato il 01/01/2015 da
voto
7.0
  • Band: CRUACHAN
  • Durata: 00:59:29
  • Disponibile dal: 05/12/2014
  • Etichetta: Trollzorn
  • Distributore: Masterpiece

Come un po’ tutti i trend che si rispettino, anche il folk-metal, dopo aver vissuto anni di splendore poco immaginabile in precedenza, sta iniziando a vivere la sua lenta fase discendente. Gli irlandesi Cruachan, fra i pionieri del genere con il loro “Tuatha Na Gael” del 1995, probabilmente sopravvivranno alla futura decimazione di band della scena e terranno duro allo scorrere del tempo, anche grazie a lavori come il nuovo “Blood For The Blood God”, secondo episodio della loro Blood Trilogy, iniziata con il valido antecedente “Blood On The Black Robe”. Si mantiene su medio-alti standard qualitativi questa nuova opera di Keith Fay e compagni, che cesellano ancora una volta il loro black-death metal melodico di melodie e cadenze tipicamente celtico-irlandesi, ovviamente utilizzando un’impressionante schiera di strumenti tipici. I Cruachan nel 2012 hanno praticamente cambiato mezza formazione, assoldando per la loro causa il chitarrista Kieran Ball, il bassista Eric Fletcher ed il batterista argentino Mauro Frison, che passa tranquillamente dalla militanza nei pacatissimi Alternative 4 a quella decisamente ben più violenta nel combo irish qui recensito. Gli appena citati avvicendamenti di line-up non hanno influito più di tanto sulla struttura compositiva dei Cruachan, orientata, come scritto poco fa, sulla commistione quasi paritaria di metal estremo e musica folk: in alcuni brani questa miscelazione riesce molto bene e risulta organica – “Born For War (The Rise Of Brian Boru)”, la title-track, la prima parte di “Perversion, Corruption And Sanctity” – mentre in altre occasioni la band non ottiene lo stesso effetto ‘naturale’, probabilmente allungando troppo i brani e infarcendoli di cambi di tempo e continui saliscendi che fanno scemare di parecchio l’atmosfera – ci riferiamo in particolare alle tracce “The Sea Queen Of Connaught” e “The Arrival Of The Fir Bolg”. Sempre divertenti e folcloristicamente classiche le potenti strumentali “Gae Bolga” e “Perversion, Corruption And Sanctity – Part 2”, oppure la scontatissima canzone da quadriglia “The Marching Song Of Fiach Mac Hugh”. Insomma, non c’è davvero molto di cui sorprendersi all’ascolto di “Blood For The Blood God” dei Cruachan, i quali, a parte un cover artwork completamente diverso dal loro solito, paiono aver ripreso saldamente in mano il proprio spirito battagliero e guerresco da clan delle colline. Non più di un apprezzabile sette pieno, ovviamente.

TRACKLIST

  1. Crom Cruach
  2. Blood For The Blood God
  3. The Arrival Of The Fir Bolg
  4. Beren And Luthien
  5. The Marching Song Of Fiach Mac Hugh
  6. Prophecy
  7. Gae Bolga
  8. The Sea Queen Of Connaught
  9. Born For War (The Rise Of Brian Boru)
  10. Perversion, Corruption And Sanctity – Part 1
  11. Perversion, Corruption And Sanctity – Part 2
  12. Pagan (bonus-track)
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.