CRURIFRAGIUM – Beasts Of The Temple Of Satan

Pubblicato il 11/02/2017 da
voto
5.0
  • Band: CRURIFRAGIUM
  • Durata: 00:31:39
  • Disponibile dal: 30/01/2017
  • Etichetta: Invictus Productions
  • Distributore:

Anche le migliori label a volte prendono qualche abbaglio. Con “Beasts Of The Temple Of Satan”, infatti, la Invictus Productions non ci dona sicuramente un nuovo “The Formulas Of Death” (Tribulation) o un novello “Flesh Assimilation” (ZOM). Il primo full-length a firma Crurifragium va a rimestare con poca fantasia nel maleodorante calderone del black/death necrofilo speziato di thrash, che dalla Iron Bonehead alla Nuclear War Now!, finanche alla stessa casa discografica irlandese, ha infestato in pochi anni il mercato delle uscite extreme metal underground, ponendosi quale uno dei trend imperanti. Considerata la relativa semplicità nel concepire certi suoni, non vi è un’adeguata barriera d’ingresso utile a frenare le pulsioni dei musicisti meno dotati, nel genere è quindi facile mettere piede, difficile farsi apprezzare per idee veramente interessanti.La mezz’ora abbondante di musica offerta dal terzetto statunitense gronda blasfemia e bestialità in misura spropositata, una colata di nera lava infetta che mira innanzitutto a disgustare, deturpare, suscitare una certa malcelata nausea. Stilisticamente la band si pone a cavallo di war metal, thrash slayeriano, black metal tipicamente americano ‘da cantina’, a cui si aggiunge un’aurea rumorista che potrebbe anche calzare bene al d-beat meno evoluto. Alcuni aspetti potrebbero pure essere gradevoli e abbastanza accattivanti, pensiamo al coacervo di urla che si accavallano rissosamente le une sulle altre, secondo una logica di puro disordine e brutalità triviale che nel settore sono assolutamente necessarie. Non disdegniamo nemmeno gli assoli hannemaniani, che esplodono anche in questo caso senza alcuna logica apparente e che proprio per il loro uso poco metodico e molto sensazionalistico fanno vibrare di lubrico piacere il lurido metallaro che è in noi. Non funzionerebbero male nemmeno i suoni, carichi e cupi a sufficienza, per gli standard del genere neanche granché confusi, oppure orgogliosamente ancorati a una bassa fedeltà da demo ottantiano. Il vero problema è che i Crurifragium stuprano gli strumenti mostrando cecità verso qualsiasi cognizione di come si debba comporre una canzone: vero, stiamo parlando di uno dei composti sonori più retrogradi e ottusi che esistano, ma anche a questi lidi non tutto si basa sul semplice duellare degli strumenti a chi fa più caciara. Tempi medi a volte vagamente doomeggianti e scariche di batteria intimidatorie veracemente war metal si alternano un po’ come capita, accelerazioni e decelerazioni, scintille black metal e bituminosi passaggi death si intersecano in modalità totalmente casuali. Quello che rimane, ad ascolto terminato, è un gran mal di testa, dovuto agli eccessi messi in fila dai tre, molto più interessati a connotarsi quali ubriachi angeli sterminatori che non come musicisti degni di tal nome. Va bene lo spirito underground, va bene sfogare la propria acrimonia nel metal estremo curandosi poco della forma, ma in buona sostanza “Beasts Of The Temple Of Satan” è un lavoro che lascia ben poco, qualsiasi sia l’ottica con cui lo si affronti. Un’opinione sintetica sui Crurifragium? Sonoramente bocciati.

TRACKLIST

  1. Behold (Evangelation)
  2. Stigmata Excruciation
  3. Unfurl the Banners of Evil
  4. Flayed Angels
  5. Exalted Blasphemous Trinity
  6. Vespers for the Massacred
  7. Slaughterers of the Flocks
  8. Utter Sadism
  9. Crucified Bastard
  10. Beasts of the Temple of Satan
  11. The Horns of Power
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.