CRYPTOPSY – The Best Of Us Bleed

Pubblicato il 17/11/2012 da
voto
5.5
  • Band: CRYPTOPSY
  • Durata: 02:18:00
  • Disponibile dal: 12/11/2012
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

Alla faccia del tempismo! I Cryptopsy non fanno in tempo ad uscire dal torpore in cui erano sprofondati dopo la pubblicazione di “The Unspoken King” che – praticamente in concomitanza con l’uscita del valido come-back album – la loro ex casa discografica immette sul mercato una doppia raccoltona/best of di dimensioni ragguardevoli. Qui appare palese la volontà della label tedesca di cavalcare l’onda generata dall’insperato rientro sulle scene dei death metaller canadesi, artefici da pochissimo di un lavoro che ha quasi esclusivamente riscosso pareri positivi tra fan e addetti ai lavori. “The Best Of Us Bleed” offre il solito calderone a base di brani estratti da ogni album ufficiale, la cover di turno (“Oh My Fucking God” degli Strapping Young Lad), demo e pezzi registrati dal vivo e/o in sala prove. Tra tutto questo, spiccano tre inediti qui posti proprio in apertura: materiale chiaramente composto e registrato di recente, visto che sia a livello di stile che di suoni siamo a grandi linee dalle parti degli ultimi due full-length. L’opener “Boden”, dal guitar-work molto rotondo, si avvicina in particolare a “The Unspoken King” e avrebbe potuto rivelarsi uno degli episodi migliori di quel disco, se questa fosse stata inclusa nella tracklist. “A Graceful Demise” e “Holodomor” invece ostentano un approccio più old school che richiama il nuovo “Cryptopsy”: “A Graceful…” prova addirittura ad omaggiare “None So Vile” nel riff portante, ma il risultato finale è senza infamia e senza lode; qui, in effetti, si comprende il motivo per cui le tracce non siano state utilizzate negli album ufficiali. A seguire, troviamo quindi varie canzoni chiamate a rappresentare ogni periodo della carriera del gruppo: alcune sono hit immortali (“Cold Hate, Warm Blood”, “Phobophile”, ecc), altre fanno giusto presenza (“Silence The Tyrants”?). Il finale del secondo CD è invece dedicato a varie cosiddette chicche o rarità – live e demo – ma il tutto è oggettivamente di poco conto. Se, ad esempio, siete tra i possessori del live “None So Live” potete tranquillamente tralasciarle. A ben vedere, è forse l’intero “The Best Of Us Bleed” a non offrire più di tanti motivi di interesse: la formula “best of” in questo caso è superflua, dato che gli album dei Cryptopsy sono da sempre facilmente reperibili e a prezzi tutt’altro che elevati; la parte “bonus” della tracklist, inoltre, non contiene materiale così intrigante e, anzi, viene presto a noia. In definitiva, a meno che, per qualche ragione, si sia particolari amanti di questo genere di prodotti, l’acquisto di “The Best Of Us Bleed” potrebbe rivelarsi un piccolo azzardo. Meglio andare a investire sui vecchi capolavori della discografia…

TRACKLIST

  1. Boden
  2. A Graceful Demise
  3. Holodomor
  4. Oh My Fucking God (SYL cover)
  5. Worship Your Demons
  6. Silence the Tyrants
  7. The Headsmen
  8. Carrionshine
  9. The Pestilence That Walketh in Darkness (Psalm 91: 5-8)
  10. Endless Cemetery
  11. We Bleed
  12. Soar and Envision Sore Vision
  13. Voice of Unreason
  14. Cold Hate, Warm Blood
  15. White Worms
  16. Emaciate
  17. Phobophile
  18. Slit Your Guts
  19. Crown of Horns
  20. Defenestration
  21. Abigor
  22. Open Face Surgery (live)
  23. Graves of the Fathers / Drum Solo (live)
  24. Shroud (live)
  25. Born Headless (live)
  26. Slit Your Guts (live)
  27. Cold Hate, Warm Blood (live)
  28. We Bleed (live)
  29. White Worms (rehearsal)
  30. Loathe (rehearsal)
  31. Depths You’ve Fallen (rehearsal)
  32. Cold Hate, Warm Blood (rehearsal)
3 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.