CRYSTAL BALL – Déjà-Voodoo

Pubblicato il 16/09/2016 da
voto
7.5
  • Band: CRYSTAL BALL
  • Durata: 00:54:23
  • Disponibile dal: 02/09/2016
  • Etichetta: Massacre Records
  • Distributore: Audioglobe

Sembra proprio che i Crystal Ball abbiano definitivamente rinvigorito il fuoco sacro dell’ispirazione, sino a qualche tempo fa ridotto ad un flebile lumicino, per via di una manciata di capitoli discografici a dir poco superflui ed inconsistenti. Già il precedente “LifeRider”, pubblicato poco più di un anno fa, si era rivelato come un deciso passo in avanti nella giusta direzione, mantenuta con autorevolezza ed un pizzico di mestiere nel qui presente “Déjà-Voodoo”. Sin dal curioso gioco di parole che caratterizza il titolo del nono album in studio del collettivo svizzero, si intuisce che i protagonisti hanno deciso di approdare verso lidi sonori un pelo più moderni ed aggressivi del solito. Nulla di particolarmente drastico, intendiamoci, in quanto il quintetto elvetico rimane fieramente ancorato al proprio modo di esprimersi, attraverso una serie di composizioni nel complesso ben concepite ed interpretate. In questa occasione, le chitarre assumono un ruolo di primaria importanza nell’economia dei brani, per merito della fattiva collaborazione in cabina di regia dell’esperto professionista Stefan Kaufmann. Costui confeziona in maniera egregia un sound pieno, limpido e poderoso, che ben si sposa con il metal melodico, opportunamente vitaminizzato da una grintosa interpretazione vocale del frontman Steven Mageney. La triade iniziale composta dall’anthemica title track, dalla cinematografica “Director’s Cut” e dall’incalzante melodia portante di “Suspended” proietta “Déjà-Voodoo” nelle zone calde della nostra classifica settimanale. Si mantiene su livelli qualitativamente considerevoli anche “Never A Guarantee”, gagliardo midtempo baciato da un ritornello oltremodo efficace, mentre “Reaching Out” si rivela un altro proficuo esempio di sano ‘arena rock’ da cantare a squarciagola. “Dr. Hell No” possiede il merito di alzare il livello qualitativo, per merito di un costrutto sonoro dinamico e frizzante. Anche se in scaletta compare qualche episodio al di sotto delle aspettative, come la fiacca “Without A Net” e l’introspettiva ballata “To Be With You Once More”, purtroppo incapace di spiccare il volo nei suoi sei minuti di durata, possiamo finalmente ritenerci soddisfatti di un gruppo volenteroso di rimettersi sul serio in gioco. Ben fatto.

TRACKLIST

  1. Déjà-Voodoo
  2. Director's Cut
  3. Suspended
  4. Never A Guarantee
  5. Reaching Out
  6. Home Again
  7. To Freedom And Progress
  8. Time And Tide
  9. Without A Net
  10. Full Disclosure
  11. Fools' Parade
  12. Dr. Hell No
  13. To Be With You Once More
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.