CUT UP – Wherever They May Rot

Pubblicato il 21/03/2017 da
voto
7.0
  • Band: CUT UP
  • Durata: 00:38:16
  • Disponibile dal: 24/03/2017
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Con i piedi ben piantati nella tradizione death metal e in quanto realizzato nel corso dell’esperienza con i Vomitory, i Cut Up tornano dopo l’esordio “Forensic Nightmares” con un secondo full-length ancora una volta su Metal Blade Records. I quattro hanno stipato la loro massiccia proposta in poco meno di quaranta minuti, restando tutto sommato fedeli ai concetti di massimo impatto e linearità già espressi nel debutto. Undici tracce dall’incedere forsennato, cavalcate dalle urla di Björte e dal growl più cupo di Erik Rundqvist, che spaziano tra assalti rapidissimi, fugaci tessiture groovy ed atmosfere caustiche. Una miscela di vecchi Vomitory e una vasta gamma di soluzioni death e grindcore (pescate soprattutto dalla scuola anni Novanta) sapientemente dosata che disegna il solito indemoniato viaggio nell’estremo e nelle sue dilatate palpitazioni. Subito a partire dall’opener “From Ear to Ear” si intuisce come la band questa volta abbia provato a lavorare maggiormente sui chorus, disegnando strutture ficcanti che ben sorreggono il lavoro di chitarra e gli exploit al microfono dei due vocalist. Pochi riff per canzone, ma ben giocati, soprattutto in quegli episodi da cui emerge con più prepotenza il bagaglio old school dei ragazzi. Un intreccio equilibrato e sempre discretamente ispirato, dal quale resta difficile estrapolare un pezzo particolarmente significativo, ma che riesce a intrattenere senza patemi per tutta la durata dell’opera. Se si analizza il debut e poi, subito dopo, questo nuovo “Wherever They May Rot”, si arriva alla conclusione che gli svedesi non abbiano compiuto chissà quale passo in avanti rispetto a due anni fa, ma chi voleva solidità e “more of the same”, senza scadere in parentesi noiose, verrà certamente accontentato. I Cut Up continuano a badare al sodo.

TRACKLIST

  1. From Ear to Ear
  2. Necrophagic Madness
  3. Behead the Dead
  4. Wherever They May Rot
  5. Vermin Funeral
  6. By Hatred Bound
  7. Psychosurgery
  8. In the Aftermath
  9. Master Dissector
  10. Cranium Crusher
  11. Raped by the Blade
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.