CYRAX – Experiences

Pubblicato il 15/12/2020 da
voto
7.0
  • Band: CYRAX
  • Durata: 00:53:00
  • Disponibile dal: 11/12/2020
  • Etichetta:
  • Wormhole Death

Spotify:

Apple Music:

I Cyrax hanno un compito che si sono dati nel loro secondo album (ed in particolare nel brano omonimo “Pictures”): diffondere il metal, in tutti i generi che in esso possano confluire, senza limiti, con la massima libertà. Questo è ciò che sembra ascoltando il nuovo lavoro dei quattro ragazzi lombardi, alle prese con il terzo capitolo di un viaggio alla scoperta di quanti più mondi musicali siano stati per ora esplorati. Ma avete presente una ricetta molto elaborata? Come ogni formula, poi, il risultato dipende da molte variabili: la qualità degli ingredienti, i tempi di cottura, l’amalgama dei gusti differenti. Ecco, questo “Experiences” in realtà è composto da più fasi di un procedimento troppo elaborato, che ad alcuni potrà entusiasmare e ad altri ricordare l’adagio di ogni chef “pochi e ben distinguibili gusti”.
Partiamo dalla qualità degli ingredienti: la voce di Marco Cantoni spazia dal cantato pulito al growl e durante le varie tracce ci sono molti interventi esterni, tra cori alla Carmina Burana e un bellissimo cantato femminile nella canzone tradizionale irlandese “Oro (Se Do Bheatha ‘Bhaile)”. Non sempre però la qualità della resa è uguale in tutti i generi, dato che passa da un ottimo stile thrash e death in “Wozzeck” e “Global Warming” a meno incisivi passaggi in “Dorian Gray” e “Infinito-Epilogo”, con un suono meno brillante. Le chitarre, suonate da Gianluca Fraschini e Martin V. Chionna, sono sfruttate al massimo, dai passaggi acustici e classici nelle introduzioni dei brani ad assoli di stampo progressive che ricordano i migliori Dream Theater e Ayreon, come per esempio in “Odysseia”. Proprio come nella creatura di Lucassen (la mente dietro al progressive-fantasy metal di Ayreon), la sensazione che traspare nel sentire i Cyrax è la freschezza di intenti nel non voler porsi limiti, del voler scoprire cosa succede a mettere assieme alcuni spezzoni di musical ad una batteria (suonata da Lorenzo Beltrami) che pesta sulle pelli senza tregua, come se non si fosse accorta che fino ad un attimo prima eravamo in un villaggio irlandese a ballare una giga.
Appurato quindi che gli ingredienti ci sono (e pure troppi, qualcuno può a questo punto pensare), bisogna adesso vedere se la ricetta porta ad un buon risultato. Nel tempo, il metal ci ha presentato strane creature ibride, tra le quali piace ricordare gli Ephel Duath, con il loro ‘jazz metal’ e gli Atheist e i Cynic, con il progressive mescolato al death. Non a caso ora sovvengono questi nomi, perché i Cyrax seguono molte tracce già visibili; non copiano e questo è il loro grande merito, anzi ampliano sul loro personale gusto e infarciscono i passaggi con funk e sonorità da musical che rimangono nella testa. Sono bravi perché, come messaggi subliminali, trovano spunti che lasciano un segno; poi, che questo segno sia cantare in italiano l’inizio de “La Divina Commedia” nell’ultimo brano non sempre fa gridare al miracolo musicale. Ma è da ricordare che un seme è stato piantato con la traccia “Truemetal”, dove si è alla ricerca del genere puro e in realtà si scopre che questo non esiste ma è un mix di tante sfumature.
“Experiences” non è per i puristi del progressive né per gli amanti di un singolo genere, bensì è per tutti quegli ascoltatori che si vogliono stupire ed interrogare sulle infinite vie del metal. I quattro ragazzi hanno buone basi musicali e si vogliono divertire, incuranti del fatto che il mescolare sapori a volte difficilmente unibili non sempre porti ad un risultato digeribile.

TRACKLIST

  1. Ut Queant Laxis
  2. Notes From The Underground
  3. Dorian Gray
  4. Reflections, Pt.2
  5. Truemetal
  6. Óró (‘sé do bheatha ‘bhaile)
  7. Wozzeck
  8. Odysseia
  9. Преступление и наказание (Global Warming)
  10. Infinito – Prologo
  11. Infinito – Epilogo
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.