DACAST – Dédale

Pubblicato il 15/01/2013 da
voto
7.5
  • Band: DACAST
  • Durata: 00:35:22
  • Disponibile dal: 04/02/2012
  • Etichetta:
  • Distributore:

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Sbucati dal nulla, come la peste. Come un cane infestato dalla rabbia che spunta all’improvviso da un vicolo in un turbine infernale di zanne, artigli, bava e follia puntando dritto alla vostra giugulare. Quel secondo un cui il terrore prende possesso di voi e l’unica cosa che lo rivaleggia è il disgusto. Ecco il sunto di “Dédale”, presumibilmente la prima opera mai licenziata dalla sconosciuta e misteriosa band math-core parigina Dacast. La loro etichetta discografica è null’altro che la loro pagina Bandcamp, le loro identità sconosciute, la loro storia anche. Non si sa nulla di loro se non quello che suonano, ed è questo ciò che conta perché in un mondo in cui le “scene”, le label, i generi, eccetera contano sempre più della musica e della band stessa, è davvero una boccata d’aria fresca farsi letteralmente massacrare le sinapsi da una band in cui parla solo ed esclusivamente una cosa sola: la musica. “Dédale” è davvero un’opera strana e particolare. Ha un fascino sinistro e “scomodo”. Il disco si presenta subito con una formula stilistica che appare cinica, paracula e affatto accomodante. Si parte innanzitutto dal format, inusuale per il genere: due tracce lunghe quindici minuti la prima e oltre venti la seconda, scelta formale che fa trapelare prevalentemente due cose: la prima è che i Dacast se ne fottono di ciò che pensate o volete. Vi hanno tolto il tasto “skip”, per cui il disco non lo si fruisce a piacimento, ma lo si subisce come vogliono loro. Pongono regole ben precise, o si fa a modo loro o non se ne fa nulla, e questo è solo un grande esempio di coraggio e integrità artistica. Il secondo aspetto che in un certo senso il format veicola è quello della sperimentazione: scopriremo infatti che vi era effettivamente bisogno di una forma canzone più dilatata e di un impianto strutturale più accomodante che permettesse la presenza e convivenza di generi e mood opposti per permetterne l’amalgamazione in maniera ottimale. Parliamo dunque di math-core, non ci piove, ma di quello più atmosferico e cerebrale, avanguardistico dunque, completamente destrutturato e volto al futuro. Fatte le dovute presentazioni tra i vostri poveri padiglioni auricolari per questa calamità sonora di album, passiamo alla sua quanto mai ardua descrizione. Il tridente di attacco che sfruttano i Dacast è di quelli che non lasciano scampo. Da “Jane Doe” dei Converge, “Calculating Infinity” dei Dillinger Escape Plan e “We Are The Romans” dei Botch, i Nostri hanno ripreso quasi tutto, soprattutto la brutalità cieca e abietta del primo, la complessità post-industriale del secondo e il non-senso surreale del terzo. Ma “Dédale” è di più, molto di più che un semplice riciclaggio: nelle due lunghe tracce che lo compongono i Botch, i Converge e i Dillinger Escape Plan sono costretti a convivere con i Locust, con i Ruins, i Naked City, i Meshuggah, i Pig Destroyer, i Fantomas, gli Eyehategod, Merzbow, i Bastard Noise e perfino con i Painkiller. Surreali e comatosi rallentamenti simil-sludge vengono iniettati con una dose di propellente tech-grind dilaniante e sanguinante. Pazzie noise-improvvisazionali impestate di jazz e industrial dilaniano il lavoro senza sosta dall’inizio alla fine creando uno scempio-fusione di generi che a tratti lascia basiti per la perizia e caparbietà con la quale si materializza, mentre in altri momenti ammutolisce per la violenza e potenza con sui sgorga incontrollata. Una immaturità e una derivatività di fondo in “Dédale” (ancora, giustamente e comprensibilmente) si nota, ma l’intraprendenza dei Dacast mostrata in questo debutto è sbalorditiva, e questi ragazzi sono solo al primo vagito, senza label, senza documenti e senza identità ma fanno mangiare la polvere al novantanove percento delle realtà affermate che ci sono in giro. Prendere nota, assolutamente.

TRACKLIST

  1. Dédale - Face A
  2. Dédale - Face B
4 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.