DANKO JONES – Fire Music

Pubblicato il 24/02/2015 da
voto
8.0
  • Band: DANKO JONES
  • Durata: 00:36:14
  • Disponibile dal: 10/02/2015
  • Etichetta: Bad Taste Records
  • Distributore:

Giunti oramai ad un passo dal festeggiare vent’anni di intensa attività, i Danko Jones tornano alla carica con una devastante raccolta di inediti, pronta a ridurre impietosamente in polvere i nostri poveri timpani. L’inevitabile scorrere delle lancette non scalfisce di un millimetro la robusta corazza indossata dal power trio canadese, impeccabile nel plasmare una miscela ad alto tasso esplosivo che coniuga punk, rock’n’roll ed un filo di primordiale hardcore americano. Il collettivo capitanato dall’esuberante protagonista rimane fedelmente ancorato alla tradizione del genere, ponendo altresì in primo piano la propria abilità nel modellare in maniera credibile una materia così scottante. Al di sotto del caos apparente, generato da bordate soniche contundenti, affiora come di consueto una precisione chirurgica nella costruzione di ogni singolo riff, unita ad una meticolosa cura negli arrangiamenti e nelle melodie vocali che confluiscono puntualmente in ritornelli incisivi e facilmente memorizzabili. Non poteva essere scelto un titolo migliore di “Fire Music” per illustrare il contenuto di questi undici episodi, orgogliosamente distanti anni luce da un qualsiasi potenziale compromesso radiotelevisivo. E’ veramente difficile reperire oggigiorno una coerenza artistica di questo calibro, giustamente premiata in ogni occasione dal sincero supporto di una fanbase a dir poco appassionata e fedele. L’anima corrosiva dei defunti Misfits ritorna miracolosamente in vita dal vaso di Pandora, per merito di due oscure sciabolate che assumono la poco raccomandabile fisionomia di “The Twisting Knife” e “Piranha”. La maleducazione dei Nostri oltrepassa la soglia della caustica irriverenza con “Getting Into Drugs”, irresistibile nel suo incedere festaiolo che collassa in un riff da ‘sballo’ all’altezza del chorus. La sfrontata carica animalesca di “Wild Woman” non concede spazio a possibili fraintendimenti e quando il tasso di adrenalina si innalza oltre ai livelli di attenzione, veniamo travolti dalla violenta scarica elettrica di “Gonna Be A Fight Tonight”. Riusciamo a tirare il fiato soltanto con la goliardica “Do You Wanna Rock” e con il garage blues di “I Will Break Your Heart”, prima di affrontare l’ultima pericolosa derapata con “She Ain’t Coming Home”, epilogo di un grande album che non lascerà superstiti sul campo di battaglia.

TRACKLIST

  1. Wild Woman
  2. The Twisting Knife
  3. Gonna Be A Fight Tonight
  4. Body Bags
  5. Live Forever
  6. Do You Wanna Rock
  7. Getting Into Drugs
  8. Watch You Slide
  9. I Will Break Your Heart
  10. Piranha
  11. She Ain’t Coming Home
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.