DANZIG – The Lost Tracks Of Danzig

Pubblicato il 23/09/2007 da
voto
6.5
  • Band: DANZIG
  • Durata: 01:55:03
  • Disponibile dal: //2007
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Il buon Glenn Danzig è senza dubbio una delle poche icone della musica oscura  e probabilmente, grazie al suo viso corrucciato, alla sua espressione cupa ed al suo fisico palestrato, è anche quella più riconoscibile anche al di fuori dei confini del rock. Naturalmente i meriti del singer vanno al di là dell’iconografia ed affondano le proprie radici nel passato di Glenn, nella sua militanza in band storiche quali Misfits e Samhain. Da queste esperienze poi si è avviata una carriera solista che, partita benissimo, col tempo è andata qualitativamente in calando, senza mai comunque raggiungere baratri troppo profondi. Dopo all’incirca vent’anni quindi, alla Afm hanno pensato bene di editare questa compilation che ha molteplici motivi di interesse. Innanzitutto, come già risulterà chiaro dal titolo, questo non è un best of ma una ricerca di perle nascoste che, per un motivo o per un altro, non sono state mai pubblicate o sono state relegate in uscite minori e b-sides. Secondariamente, il materiale qui contenuto è di fattura piuttosto buona ed in certi casi non ci si spiega come sia potuto essere escluso dai lavori ufficiali. Terzo punto a favore, per gli estimatori vi sono numerose chicche dell’Evil Elvis, non ultime le cover dei T-Rex, dei Germs e di David Bowie. Venendo al dunque ed essendo impossibile descrivere tutte le tracce, basti ricordare gli highlight: la facilona “Pain Is Like An Animal”, song dei Samhain che non ha trovato posto sull’esordio del nostro; “Angel Of The 7th Dawn”, esclusa de luxe dal darkeggiante “Danzig II: Lucifuge”; “Buick McKane”, omaggio a Marc Bolan e ai suoi T-Rex; la versione acustica di “Come To Silver”, scritta in origine per il vocione roco di Johnny Cash e mai eseguita da quest’ultimo; la dark song “Warlock”, non terminata in tempo per l’uscita di “5- Blackacidevil”; “Bound By Blood”, delicata ed energica allo stesso tempo, sarebbe stata la perla di “Danzig 7:77 – I Luciferi”, dal quale è stata criminalmente estromessa; infine “Dying Seraph”, altra esclusa da “I Luciferi”, che rimanda al periodo più oscuro e doomy di Danzig, quello di “Danzig III: How The Gods Kill”. Come nei lavori ufficiali anche qui le cose migliori si attestano tra l’uscita di “Lucifuge” e quella di “Blackacidevil”, ma alcune perle recenti sono comunque presenti. Che dire? Il consiglio è di acquistare questa raccolta se si è già fan di Glenn, altrimenti resta d’obbligo acquistare i primi quattro album del nerboruto singer e metabolizzare prima quelli. Comunque va dato atto a “The Lost Tracks Of Danzig” di seguire più o meno le evoluzioni di un artista in maniera originale ed insolita, quindi gli euro spesi per il suo acquisto non sono buttati a vanvera. I fan sono avvertiti.

TRACKLIST

  1. Pain Is Like An Animal
  2. When Death Had No Name
  3. Angel Of The Seventh Dawn
  4. You Should Be Dying
  5. Cold, Cold Rain
  6. Buick McKane
  7. When Death Had No Name
  8. Satans Crucifiction
  9. The Mandrake's Cry
  10. White Devil Rise
  11. Come To Silver
  12. Deep
  13. Warlok
  14. Lick The Blood Off My Hands
  15. Crawl Across Your Killing Floor
  16. I Know Your Lie
  17. Caught In My Eye
  18. Cat People
  19. Bound By Blood
  20. Who Claims The Soulless
  21. Malefical
  22. Soul Eater
  23. Dying Seraph
  24. Lady Lucifera
  25. Under Belly Of The Beast
  26. Unspeakable Shango Mix
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.