DARK BUDDHA RISING – II

Pubblicato il 22/03/2018 da
voto
7.0
  • Band: DARK BUDDHA RISING
  • Durata: 00:25:44
  • Disponibile dal: 23/03/2018
  • Etichetta: Neurot Recordings
  • Distributore: Goodfellas

I Dark Buddha Rising sono rimasti recentemente orfani della mente creativa di Vesa Vatanen, che resta comunque nelle loro intenzioni parte della band dietro le quinte; lo immaginiamo quindi al lavoro nel sancta sanctorum del Watement Studio, il tempio ove questi folli manipolatori di psichedelia che sa di incensi e sacrifici umani mettono in atto i loro rituali. A questo giro i Dark Buddha Rising scelgono per il loro mandala di suoni di rivolgersi al Kalachakra, la ruota del tempo buddista, e nel tentativo di illuminarci tornano indietro di qualche anno: intitolano così questo EP, semplicemente, “II”, ma non pensate che sia un colpo di straccio sugli ormai numerosi album pubblicati dopo l’esordio “I”. Le due tracce che compongono il lavoro, infatti, rappresentano per certi versi lo yin e lo yang del loro percorso: più violenta e catartica la prima, “Mahathgata I”, più riflessiva, conturbante e meditabonda “Mahathgata II”; e tuttavia mentre quest’ultima non manca di terrorizzare se ascoltata al buio, soprattutto grazie agli intrecci di voci votate a monotone nenie esoteriche, la prima traccia sa offrire anche momenti più riflessivi. Come sempre frutto della maestria alle tastiere di Jussi Saarivuori, che inserisce arie eteree e strumenti tradizionali; ma anche dell’intesa magistrale della sezione ritmica, che sa costruire tessuti talvolta delicati, più spesso sulfurei, dilatati e al tempo stesso inebrianti: proprio come qualunque tipo di meditazione o preghiera mischiata alle droghe opportune, che è poi quello che questa band, da sempre, sa mettere in musica. A chiudere il cerchio (magico, naturalmente) la, o meglio, le voci di Marko Neuman celebrano la vita e la morte con maestria caleidoscopica, conducendoci lontano come una navicella spaziale degli Hawkwind: solo che questa volta è fatta di ossa e ci porta con maggior probabilità all’Inferno. Due brani, per complessivi venticinque minuti, e un’ottima conferma; solo la durata lascia il voto sotto l’eccellenza.

TRACKLIST

  1. Mahathgata I
  2. Mahathgata II
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.