DARK LUNACY – The Diarist

Pubblicato il 28/03/2006 da
voto
8.0
  • Band: DARK LUNACY
  • Durata: 00:58:09
  • Disponibile dal: 27/03/2006
  • Etichetta: Fuel Records
  • Distributore: Self

Lo scoglio decisivo del terzo album viene pienamente superato dai Dark Lunacy. Questo nuovo “The Diarist” risulta la summa di quanto elaborato dal quartetto nostrano con i precedenti “Devoid” e “Forget – Me – Not” poichè ripropone – con una produzione questa volta più competitiva che mai – lo stesso approccio drammatico al death metal di stampo svedese, riducendo però lievemente la componente sinfonico/orchestrale (che, comunque, continua a rimanere il trademark del gruppo) e puntando di più su strutture maggiormente lineari, nelle quali è spesso l’impatto di chitarre e batteria a far da padrone. A parte ciò, non sono rintracciabili molte altre novità nella nuova opera dei Dark Lunacy, ma va comunque sottolineato il fatto che il disco è estremamente curato sotto ogni punto di vista e che si fa ascoltare davvero con piacere, forte di una tracklist solida e ben bilanciata tra pezzi agili e taglienti e altri più articolati e atmosferici. A tal proposito, ci teniamo a segnalarvi l’opener “Aurora” e “Pulkovo Meridian”: la prima è una canzone ritmata e potente, dotata di ottime melodie e di un chorus favoloso. La seconda è invece, con tutta probabilità, la miglior composizione della storia dei Dark Lunacy… o, almeno, la più coinvolgente dai tempi del debut! Il mix a base di death metal e orchestrazioni della band raggiunge qui risultati strabilianti, che culminano in un ritornello che farà venire la pelle d’oca ad ogni amante delle sonorità epiche ed eroiche! “The Diarist” è un concept incentrato sull’assedio di Leningrado da parte dell’esercito nazista durante la Seconda Guerra Mondiale… credeteci se diciamo che, mentre ascolterete il suddetto brano, vi sembrerà di essere in prima linea a combattere per la liberazione della vostra città! Il grande pregio dei Dark Lunacy sta da sempre nel loro saper essere epici e drammatici senza scadere in trovate pacchiane… inutile dire che, anche in questa occasione, i nostri lo hanno confermato alla grande! Chi è già stato catturato dalla proposta della band con i due precedenti full-length potrà dunque avvicinarsi a questo nuovo lavoro ad occhi chiusi: “The Diarist” non sarà magari sui livelli dell’eccellente “Devoid” – che tutt’ora rimane il miglior disco del quartetto – ma è comunque un album più che convincente, che rappresenta benissimo la proposta dei Dark Lunacy e che, sotto diversi punti di vista (produzione, varietà e ispirazione nel songwriting…), supera di gran lunga il suo diretto predecessore, “Forget – Me – Not”. Ascoltatelo!

TRACKLIST

  1. Aurora
  2. Play Dead
  3. Pulkovo Meridian
  4. The Diarist
  5. Snowdrifts
  6. Now Is Forever
  7. On Memory White Sleigh
  8. Heart Of Leningrad
  9. Prospekt
  10. Motherland
  11. The Farewell Song
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.