DARK MILLENNIUM – Acid River

Pubblicato il 14/01/2022 da
voto
6.5
  • Band: DARK MILLENNIUM
  • Durata: 00:49:19
  • Disponibile dal: 07/01/2022
  • Etichetta:
  • Massacre Records

Spotify:

Apple Music:

Quinto disco per i Dark Millennium, a trent’anni esatti dal notevole debutto (“Ashore The Celestial Burden”, del 1992 per l’appunto) e a quattro dall’ultima fatica, “Where Oceans Collide”; una prova che riporta la band tedesca più o meno dove l’avevamo lasciata. Questo nuovo “Acid River”, ossessionato dal numero sette (uscito il sette del mese, con sette brani da sette minuti e qualcosa ciascuno – potevano tenersi la trovata per il settimo album a dire il vero), riporta a un death metal molto eclettico e a tratti incapace di sviluppare a dovere le moltissime idee che ritroviamo all’interno della cinquantina di minuti di musica prodotta. Death metal di base un po’ prog, un po’ doom, un po’ atmosferico, con un approccio strumentale che gioca a perdersi in se stesso e ritrovarsi, sembrerebbe per stupire e perché in effetti la carta dei Dark Millennium è questa e questo gli viene da suonare. Insomma, se la band vi piace, dovrebbe potervi piacere anche questa prova, tuttavia non si possono ignorare dei difetti oggettivi: una lunghezza delle canzoni che a tratti sembra davvero non necessaria, dove alcuni passaggi paiono allungati di forza per il giochino del numero sette (lo supponiamo noi), e durante lo scorrere dell’album tendiamo a far fatica a star dietro a tutte le evoluzioni. Alcuni momenti sono buoni o fanno alzare un sopracciglio, in altri succedono entrambe le cose, ma restano incastonati in mezzo a troppi intermezzi in cui ci chiediamo cosa diavolo stesse frullando nella testa dei cinque tedeschi; e, pure in mezzo a qualche riuscita intuizione (“Essence” ha un passaggio davvero splendido, ad un certo punto), il senso globale è quello di un ‘mappazzone’ che non sarebbe nemmeno male se solo fosse stato impostato in una maniera diversa, più oculata e senza per forza sforzarsi di far vedere quanta inventiva e quanti passaggi inaspettati si possono tirar fuori in un album death metal. Peccato, perché alcuni momenti sono brillanti e ci portano indietro nel tempo, ma alla fine “Acid River” è un disco che si lascia ascoltare senza per forza essere approfondito, tutto qui.

TRACKLIST

  1. The Verger
  2. Godforgotten
  3. Threshold
  4. Lunacy
  5. Essence
  6. Vessel
  7. Death Comes in Waves
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.