DARKEST ERA – The Journey Through Damnation

Pubblicato il 04/11/2008 da
voto
6.0
  • Band: DARKEST ERA
  • Durata: 00:25:07
  • Disponibile dal: 23/02/2008
  • Etichetta: Northern Silence Prod.
  • Distributore: Masterpiece

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

L’Inghilterra, in questo anno, ha prodotto come mai in passato album che si rifanno al folk metal. Forefather, Waylander ed ora i debuttanti Darkest Era, di cui fa parte un ex-membro proprio dei Waylander. A differenza dei gruppi sopra citati appartenenti al filone pagan/folk metal seguito per la maggior parte dei casi da un pubblico avvezzo al black metal, per i Darkest Era il discorso cambia: il genere del mini CD “The Journey Through Damnation” è infatti decisamente più adatto a chi ascolta heavy o power metal. Ci saranno pure i rimandi epici e celtici nel sound dei Darkest Era, ma lo stile è praticamente un heavy metal dai toni epici accesi. La seconda canzone, “Visions Of The Dawn”, è un brano bello ed incisivo, carico di pathos e vicinissimo per caratteristiche a quel modo d’intendere il metal epico negli anni ’80, un modo completamente diverso rispetto ad ora. Il pregio e difetto dei Darkest Era è soprattutto questo, sembrare un gruppo degli anni ’80 catapultato vent’anni avanti nel tempo. Tante, troppe soluzioni sono ormai ‘superate’, la produzione ha i suoni tipici di un’era del metal che, volendo o no, non c’è più. I Darkest Era pagano lo scotto del debutto e potranno essere degli eterni incompresi se verranno, come sembra, presentati al pubblico adorante il pagan/viking metal e non al più consono popolo del classico vecchio heavy. Il gruppo è ancora grezzo, ma si percepisce l’entusiasmo dietro alle fiere note di “The Journey Through Damnation”, un entusiasmo che potrà dare sostegno alla band in futuro. Da censurare la pessima copertina e da segnalare la presenza, come violinista ospite, di Elyghen degli italiani Elvenking. Se ascoltate Skyclad, Elvenking o Blind Guardian, provate ad ascoltare questa nuova band albionica; per gli amanti del folk metal è consigliabile invece optare per l’ultimo album dei conterranei Waylander o soprattutto quello dei grandi Forefather.

TRACKLIST

  1. The Morrigan
  2. Visions of the Dawn
  3. Another World Awaits
  4. On The Crest Of Doom
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.