DARKTRIBE – The Modern Age

Pubblicato il 21/07/2015 da
voto
7.5
  • Band: DARKTRIBE
  • Durata: 00:51:00
  • Disponibile dal: 21/07/2015
  • Etichetta: Scarlet Records
  • Distributore: Audioglobe

I Darktribe tornano con un nuovo full-length, il secondo della loro discografia, intitolato “The Modern Age”, che segue di tre anni il debut-album “Mysticeti Victoria”. La band francese riesce a colpire sin da subito grazie al proprio sound fresco e moderno: un power melodico, che riesce ad essere assai accattivante e di grande impatto. Certo, va anche detto che la sezione ritmica non è poi particolarmente fantasiosa e un tastierista di ruolo sarebbe stato utile nel contesto di un sound che fa spesso e volentieri ricorso a orchestrazioni, tappeti e ampie divagazioni strumentali. Però, nell’insieme, il tutto funziona davvero bene e soprattutto il cantante Anthony Agnello ed il chitarrista Loic Manuello si mettono in evidenza: il primo, grazie ad una voce versatile e di buona estensione; il secondo, invece, si dimostra davvero a proprio agio sia nel proporre riff a cascata sia quando si lancia in dirompenti assoli, nei quali emerge anche qualche influenza neoclassica. Il vero punto di forza di “The Modern Age” è, tuttavia, a nostro avviso, proprio il songwriting: canzoni come la titletrack, “Red House Of Sorrow”, “A Last Will”, “Wild Call” e “Rainwar”, giusto per citare quelle che più ci hanno colpito, sono davvero degli ottimi brani, trascinanti e dotati di refrain dalle bellissime melodie. Per contro, quasi paradossalmente, i Darktribe risultano parecchio deludenti proprio in quello che poteva essere il brano melodico per eccellenza ovvero la classica ballata acustica, quale è “Holy Water”. Ad ogni modo, a parte qualche piccolo passo falso, “The Modern Age” è davvero un bel disco, che rende testimonianza delle grandi qualità di questi ragazzi. Si evidenzia, infine, come il lavoro sia stato mixato e masterizzato da Jacob Hansen (Volbeat, Epica, Doro, Primal Fear) presso i suoi celebri Hansen Studios in Danimarca.

TRACKLIST

  1. Humanizer
  2. Red House Of Sorrow
  3. My Last Odyssey
  4. The Modern Age
  5. A Last Will
  6. No Train To Earth
  7. Holy Water Day
  8. Wild Call
  9. Rainwar
  10. Anthem For A Planet
  11. Darkside Of Imagination
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.