DAVID VALDES – Paradise Lost

Pubblicato il 11/07/2003 da
voto
6.5
  • Band: DAVID VALDES
  • Durata:
  • Disponibile dal: 11/07/2003
  • Etichetta:
  • Heavencross Records
  • Distributore: Frontiers

Spotify non ancora disponibile

Apple Music non ancora disponibile

Se questo giovanottone spagnolo avesse scelto come titolo del proprio album “Jason Becker Tribute” non avrebbe suscitato alcuna sorpresa, considerando gli omaggi sparsi allo sfortunato guitar hero di cui “Paradise Lost” è pieno. Siamo in presenza di uno shredder di stampo neoclassico, non particolarmente originale (d’altronde è lo stesso genere a prevedere delle limitazioni stilistiche ben precise) ma dotato di una pulizia esecutiva impressionante. Fanno capolino fra le sue influenze Sua Maestà Malmsteen, citato nella titletrack, Paul Gilbert (scale a 4 note per corda e padronanza assoluta dello string skipping), e il già menzionato Becker, assoluto dominatore delle undici tracce. Il leggendario axeman viene prima citato in “Legend”, una sorta di riarrangiamento di “Temple Of The Absurd” dei Cacophony, poi in un sentito omaggio dal titolo “Hidden Minds”, ed infine in una song dall’esplicito titolo “Cacophony”, che il chitarrista, nelle note di copertina, dedica a Becker e a Marty Friedman, riproponendo nella stessa quei lick impossibili che già nel lontano 1989 consegnarono i due chitarristi alla storia, tra sweep armonizzati alla velocità della luce e correzioni effettuate con la leva del vibrato, in modo da ricreare sonorità dal gusto orientale. Un album che in altra sede passerebbe inosservato, ma la spontaneità e l’onestà di Valdes, nonché le sue brillanti doti tecniche, fanno sì che “Paradise Lost” meriti un plauso sincero.

TRACKLIST

  1. Paradise Lost
  2. Legend
  3. An Old History
  4. Time Up!
  5. Fallen Angel
  6. My Enchanted Forest
  7. The Lord Of Fire
  8. BWV 1046 Adagio
  9. Hidden Minds
  10. Eternal Dream
  11. Cacophony
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.