DAYLIGHT DIES – Dismantling Devotion

Pubblicato il 14/03/2006 da
voto
8.0
  • Band: DAYLIGHT DIES
  • Durata: 00:53:10
  • Disponibile dal: 13/03/2006
  • Etichetta: Candlelight
  • Distributore: Audioglobe

Passati dal colosso Relapse alla più familiare Candlelight Records, tornano gli statunitensi Daylight Dies, i quali – facendo assolutamente fede al loro moniker – ci regalano un secondo full-length nero come la pece, nel quale doom e death metal vengono miscelati ancora una volta con grande maestria. Stilisticamente sempre vicini ai primi Katatonia e Paradise Lost, i nostri, rispetto all’ottimo debut “No Reply”, hanno però limato notevolmente il songwriting, rendendo riff e melodie più memorizzabili e facendo in modo che le composizioni non si allontanassero mai troppo dalla classica forma canzone. Ma sia chiaro che l’aggressività non è stata affatto relegata in un angolino: il riffing è infatti quasi sempre spigoloso e pesante e le growling vocals continuano a farla da padrone in quasi tutto l’arco della tracklist. Quando inoltre i Daylight Dies pigiano un po’ di più il piede sull’acceleratore, riportano alla mente i Novembre e il loro vecchio “Classica”, disco che – giudicando da molte delle trame udibili in questo “Dismantling Devotion” – viene letteralmente idolatrato dalla coppia di chitarristi Gambling/Shackelford. Katatonia, Paradise Lost, Novembre… sì, quando si parla di doom-death dalle tinte gotiche e malinconiche i nomi che saltano fuori sono più o meno sempre questi, ma se state pensando che i Daylight Dies siano una semplice band clone, siete del tutto fuori strada! Ciò che qui fa la differenza infatti non è solamente la qualità delle tracce – che è sempre elevatissima – ma anche la passione e l’onestà che i nostri fanno confluire nei solchi del platter. Di questi tempi è raro imbattersi in lavori tanto curati e sentiti, dove ogni singola nota è in grado di scuotere i sensi e di lasciare un segno importante nella mente di chi ascolta. I nostri non saranno magari degli spericolati innovatori, ma la loro musica viene dal cuore ed è suonata e cantata in maniera esemplare. Se siete fra coloro che non vedono l’ora di ascoltare “The Great Cold Distance” e “Materia”, cercate dunque di procurarvi “Dismantling Devotion”… oltre ad aiutarvi ad ingannare l’attesa, vi farà conoscere una giovane band che in questo genere merita più di ogni altra il vostro supporto.

TRACKLIST

  1. A Life Less Lived
  2. Dead Air
  3. A Dream Resigned
  4. All we Had
  5. Solitary Refinement
  6. Strive to See
  7. Lies that Bind
  8. Dismantling Devotion
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.