DEAD TO THIS WORLD – First Strike for Spiritual Renewance

Pubblicato il 10/02/2008 da
voto
6.0
  • Band: DEAD TO THIS WORLD
  • Durata: 00:37:44
  • Disponibile dal: 28/01/2008
  • Etichetta:
  • Dark Essence Records
  • Distributore: Masterpiece

Spotify:

Apple Music:

I norvegesi Dead To This World sono il gruppo fondato nel 2002 dopo che Iscariah se ne andò dagli Immortal, è il suo progetto personale, aiutato per il primo full length dal batterista Kvitrafn che ha avuto un passato con i Gorgoroth. L’amore di Iscariah per il black/thrash metal non è certo una novità e infatti “First Strike for Spiritual Renewance” non regala nessuna novità da questo punto di vista. Bella la produzione, potente e fredda, le chitarre sono davvero potenti, basti sentire il riff di apertura album, davvero un tritatutto! Il tipo di thrash è quello di stampo teutonico, quello che i Destruction hanno reso immortale e infatti non mancano le similitudini con la band tedesca, specialmente se si paragona la release norvegese al glorioso platter “Infernal Overkill”. Purtroppo la fantasia di Iscariah non è granché, e ben presto l’abum diventa noioso e nemmeno il picchiar duro dei brani e la produzione che ne esalta il potenziale esplosivo non riescono a mascherare completamente la scarsità di idee. I riff non sono tutti entusiasmanti come quello utilizzato in apertura di CD e le canzoni utilizzano troppo poche variazioni per risultare interessanti. I Dead To This World possono vivere un po’ di rendita grazie all’illustre, seppur breve, passato del proprio fondatore, ma ci sarà bisogno in futuro di qualcosa in più che non di questo diretto e spoglio thrash metal.

TRACKLIST

  1. I, The Facilitator
  2. Night of the Necromancer
  3. Shadows of the Cross
  4. Goatpower
  5. 1942
  6. Into the Light (Baphomet Rising)
  7. Unholy Inquisition
  8. To Free Death Upon Them
  9. Hammer of the Gods
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.