DEADLY LIGHT – Six Walls

Pubblicato il 14/09/2010 da
voto
6.5
  • Band: DEADLY LIGHT
  • Durata: 00:22:20
  • Disponibile dal: 01/04/2010
  • Etichetta:
  • Distributore:

Molto interessante il cinque tracce di debutto degli statunitensi Deadly Light: il terzetto di Seattle descrive il proprio sound come un metal contaminato da componenti ambient e tribali, definizione che riesce solo in parte a far comprendere il contenuto di “Six Walls”. Innanzitutto il metal di cui parlano i ragazzi è decisamente groovy e piuttosto moderno, tanto da richiamare alla mente band del calibro di Faith No More, Grip Inc. e Linea 77. Mentre i tribalismi sono presenti qua e là all’interno delle varie composizioni, le parti ambient sono relegate a degli intermezzi o a dei finali e sono piuttosto slegate dal contesto entro cui si muovono i Deadly Light. Va annotata senza dubbio la maturità compositiva messa in campo soprattutto da Dave Vitello dietro al microfono che, con il fondamentale aiuto dell’ effettistica, sfodera una performance decisamente di alto livello. Tutti e cinque i brani presenti nell’ EP sono di buona fattura e, sebbene non facciano urlare al miracolo, riescono a colpire nel segno grazie ad un’alchimia molto azzeccata tra parti melodiche e altre più heavy. L’unica pecca riscontrabile nel lavoro è una certa urgenza latente nel voler ricercare a tutti i costi il passaggio catchy e ruffiano, ma forse sarà proprio questa l’arma in più che permetterà ai ragazzi di farsi largo nella miriade di uscite odierne. Insomma, dalla violenza (poco efficace) di “Black Electric” ai passaggi più soffusi di “Red As Blood” e “Six Walls” fino ad arrivare alle groovy ed incalzanti “Programs” e “Intent”, il combo dello stato di Washington sbaglia davvero poco: le linee di batteria sono molto buone sui passaggi maggiormente tribali, da migliorare invece sui ritmi più veloci; la chitarra di Max Neal disegna arabeschi interessanti e spesso non banali, che riescono ad avere un forte effetto evocativo. Peccato che la produzione sminuisca il lavoro della sei corde, rischiando di renderlo fin troppo piatto e monocromatico. Poco altro da dire, i Deadly Lights quello che fanno lo fanno bene, pur con tutte le ingenuità insite in un debutto autoprodotto. Se però il buongiorno si vede dal mattino, saremo destinati a sentire parlare in futuro della band, ci sono pochi dubbi a riguardo.

TRACKLIST

  1. Programs
  2. Red As Blood
  3. Intent
  4. Black Electric
  5. Six Walls
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.