DEATH – Spiritual Healing 2012

Pubblicato il 26/11/2012 da
voto
8.0
  • Band: DEATH
  • Durata: 01:55:45
  • Disponibile dal: 26/11/2012
  • Etichetta: Relapse Records
  • Distributore: Audioglobe

Ci auguriamo che tra gli amanti del metal estremo tutti conoscano ed apprezzino il portentoso “Spiritual Healing”, terza uscita dei Death di Chuck Schuldiner arrivata nei negozi nel 1990 ad opera della Combat Records. A beneficio dei più giovani, ma anche dei fan della prima ora, la Relapse reimmette sul mercato l’album in versione rimasterizzata e con numerose tracce bonus che senza dubbio aiutano a meglio comprendere quello che a tutti gli effetti può essere considerato il lavoro di passaggio dalla prima fase della band, sanguinaria e feroce, alla seconda fase, tecnica e progressiva. Da sempre considerato a torto una sorta di fratello povero nella discografia perfetta targata Death, “Spiritual Healing” contiene invece delle tracce tra le migliori uscite dalla penna di Chuck Schuldiner e – a detta di molti – vanta in line up il miglior chitarrista solista mai affiancato a Chuck, ovverosia quel James Murphy che, tra gli altri, ha suonato con Testament, Obituary, Konkhra e Disincarnate. Venendo alla musica contenuta nel remaster di “Spiritual Healing”, dobbiamo subito constatare che sulle otto tracce originali è stato svolto un lavoro di aggiornamento sonoro eccellente, dato che nella rimasterizzazione non viene persa un’oncia di pesantezza nonostante il sound sia ora molto più pulito ed intelleggibile. La Relapse ha deciso di includere molto materiale extra proprio per rendere appetibile il prodotto anche a coloro i quali già sono in possesso dell’originale. Ecco allora spiegata l’utilità del secondo disco, contenente versioni dei brani ancora acerbe registrate direttamente in sala prove (e con una qualità audio quindi non soddisfacente), unite ad un paio di jam divertenti e a degli estratti non completi che poi si sarebbero sviluppati in maniera diversa. In questo contesto sono assolutamente da ascoltare la “Satanic Jam” e la “Primus Jam”: la prima è un death black suonato a velocità assurde e volutamente eccessivo, mentre il secondo è un omaggio strepitoso alla band di Les Claypool, improvvisato sui giri di basso del grandissimo Terry Butler. A seguire, varie take intitolate “Jon A Qua” lungo le quali i Nostri mettono in mostra un amore per il metal classico che in qualche modo addirittura anticipa il progetto Control Denied. Bonus gustosi, quindi, tutti inerenti al periodo di scrittura di “Spiritual Healing”. E l’album? Ovviamente già da solo varrebbe l’acquisto. Il primo platter death metal che tenta di ampliare lo spettro sonoro utilizzato, attraverso dei brani lunghi, articolati, molto tecnici ma che allo stesso tempo non rinunciano al putridume che aveva caratterizzato la precedente fase stilistica. Non è ancora “Human” e non è più “Leprosy”; al proprio interno ci sono delle perle di rara bellezza quali l’iniziale “Living Monstrosity”, brano manifesto del cambiamento, oppure “Low Life” e “Killing Spree”, con Schuldiner e Murphy a rincorrersi con dei solismi che passeranno alla storia e che mai si erano sentiti a latitudini tanto estreme, fino ad arrivare alla rocciosità di “Altering The Future” e “Within The Mind” ed alla stratosferica title track, uno dei brani migliori del repertorio dei Death, anticipatrice di istanze che Schuldiner utilizzerà fino all’ultimo “The Sound Of Perseverance”, soprattutto per ciò che concerne la varietà del brano, i numerosi cambi di tempo e quegli assoli che lo hanno reso il più grande di tutti già quando era in vita. Consigliamo quindi l’acquisto di questo remaster di “Spiritual Healing”, omaggio riuscito ad una delle pietre angolari del death metal.

PS: il voto del lavoro originale è 9.

TRACKLIST

  1. Living Monstrosity
  2. Altering The Future
  3. Defensive Personalities
  4. Within The Mind
  5. Spiritual Healing
  6. Low Life
  7. Genetic Reconstruction
  8. Killing Spree
  9. Altering The Future
  10. Defensive Personalities
  11. Within The Mind
  12. Within The Mind: Take 2
  13. Spiritual Healing
  14. Killing Spree
  15. Defensive Personalities
  16. Spiritual Healing
  17. Within The Mind
  18. Satanic Jam
  19. Primus Jam
  20. Jon A Qua: Take 2
  21. Jon A Qua: Take 3
  22. Jon A Qua: Take 4
  23. Jon A Qua: Take 5
  24. Jon A Qua: Take 6
4 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.