DEATH SS – The 7th Seal

Pubblicato il 21/03/2006 da
voto
6.5
  • Band: DEATH SS
  • Durata: 00:59:12
  • Disponibile dal: 21/03/2006
  • Etichetta: Lucifer Rising
  • Distributore: Self

Quarto episodio della nuova incarnazione dei Death SS, venuta alla luce con lo strepitoso “Do What Thou Wilt” e caratterizzata dal determinante contributo in fase di arrangiamento del talentuoso Oleg Smirnoff, “The 7th Seal” è in realtà la nuova tappa di un percorso più ampio, ormai quasi trentennale, sul quale si ritrovano le orme di una band che, nella buona e nella cattiva sorte, non ha mai smesso di coltivare un approccio strettamente personale all’heavy metal. Rispetto a “Humanomalies”, che poggiava le proprie basi su un concept legato alla deformità, il nuovo “The 7th Seal” ritrova l’impronta esoterica da sempre fondante nel retroterra concettuale del gruppo e analizza l’idea della fine, della dispersione, sia che si tratti della piccola morte dell’assenzio (“Absinthe”) che dell’estinzione del dannoso (Steve canta addirittura il verso “Life is a mistake”) genere umano. Musicalmente le cose sono più complicate del previsto. Tra i tanti volti mostrati dai Death SS nell’ultimo decennio il disco sembra prediligere quello emerso nei brani più orecchiabili degli ultimi due album; ecco dunque che episodi come “Give ‘em Hell” o “Shock Treatment” rivelano palese l’influenza melodica dell’hard rock anni ’80. I ritornelli funzionano e l’onnipresente tastiera disegna scenari efficaci, ma il confine con la ruffianeria sembra spesso divenire labile e l’atmosfera lugubre che si vorrebbe propria dei Death SS non sempre riesce a farsi spazio negli ingombranti chorus. “The 7th Seal”, però, vive anche di grandi individualità. “The Healer”, o la doppietta vagamente settantiana “Heck Of A Day”/ “S.I.A.G.F.O.M” non sfigurano se affiancati ai migliori brani della band, ma è la conclusiva title track che davvero splende; l’incedere epico-progressivo, l’andamento da mini-suite, la perfetta simbiosi tra testo e suono segnano il passo di una band che ha ancora molto slancio su cui contare. Un disco riuscito a metà, fatto di brani straordinari ed altri meno ispirati; “Black Mass” e “Do What Thou Wilt”, album diversi fra loro ma in grado di sintetizzare splendidamente lo spirito dei Death SS, restano ancora i dischi da battere.

TRACKLIST

  1. Give 'Em Hell
  2. Venus' Gliph
  3. Der Golem
  4. Shock Treatment
  5. Absinthe
  6. Another Life
  7. Psychosect
  8. Heck Of A Day
  9. S.I.A.G.F.O.M.
  10. The Healer
  11. Time To Kille
  12. The 7th Seal
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.