DEATH SS – The Story Of 1977/84

Pubblicato il 01/01/1987 da
voto
9.0
  • Band: DEATH SS
  • Durata: 01:08:41
  • Disponibile dal: //1987
  • Etichetta: Minotauro Records
  • Distributore: Markuee

Questa raccolta è semplicemente fondamentale per scoprire i primi passi della storica band italiana composta all’epoca dal carismatico singer (e tutt’ora bandiera portante del gruppo) Steve Sylvester (il Vampiro), dal geniale lead guitarist Paul Chain (la Morte), e dalle retroguardie ritmiche composte dai misconosciuti Claud Galley (lo Zombie), Danny Hughes (la Mummia) e Thomas Hand Chaste (l’Uomo Lupo). Le prime cinque tracce riguardano il periodo che va dal 1977 al 1982 e, pur non godendo di una registrazione adamantina (per usare un eufemismo!), sono semplicemente favolose. L’opener “Terror” racchiude tutti gli elementi che fanno parte del sound dei Death SS: il drumming cadenzato e profondo spiana la strada a un magnetico giro di basso seguito dal magnifico riff di chitarra sul quale fa la comparsa la voce perversa e spettrale di Sylvester. “Murder Angels” unisce magistralmente l’urgenza del punk alle morbose atmosfere horror (inimitabile marchio di fabbrica della band!), mentre “Horrible Eyes” è assolutamente diabolica nel suo velenoso incedere dominato dalla magica coppia Sylvester/Chain. “Cursed Mama” è un’altra storica horror-song dotata di un gusto vagamente punk sul quale si erge il refrain semplicissimo da cantare a squarciagola. La funerea “Zombie” è presente nella versione live registrata nel 1977, dominata da un bellissimo giro di basso sul quale vengono iniettati riff e break di chitarra altamente espressivi, regalandoci un’altra chicca imperdibile. Le cose cambiano completamente registro dalla traccia numero sei, dove è presente il singer Sanctis Ghoram, che sostituisce il defezionario Steve. Le responsabilità artistico-compositive sono in mano a Paul Chain, che si mette subito in evidenza nella perversa “Violet Ouverture”, sorretta esclusivamente da un inquietante tappeto di organo che fa da preludio alla fantastica “Chains Of Death” – a nostro avviso una delle migliori canzoni mai composte dai Death SS – dove un morboso e cupo riff di chitarra si fonde con la teatrale performance vocale di Ghoram. Degne di nota anche l’epilettica “Schizophrenic”, cantata dallo stesso Chain, che sceglie di adottare un linguaggio fonetico – caratteristica che manterrà anche nei futuri lavori solisti – e la morbosa “Black And Violet”, un altro classico di una band che era già avanti con i tempi di almeno vent’anni e incarnava alla perfezione il concetto del termine “estremo”. Imperdibile.

 

TRACKLIST

  1. Terror
  2. Murder Angels
  3. Horrible Eyes
  4. Cursed Mama
  5. Zombie (Live)
  6. Violet Ouverture
  7. Chains Of Death
  8. Inquisitor
  9. Schizophrenic
  10. Black And Violet
  11. The Bones And The Grave (Live)
  12. The Story Of Death SS & Gilas Part 1 & 2
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.