DEATH – The Sound Of Perseverance

Pubblicato il 11/02/2011 da
voto
9.5
  • Band: DEATH
  • Durata: 00:56:08
  • Disponibile dal: 15/09/1998
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Warner Bros

Questo è un album che conoscete tutti e parlarne è difficile, perché difficilmente potremo dire cose originali; tanto vale quindi affidarci ad impressioni molto personali che possono fungere da curioso spunto per quanti di voi leggeranno. Dicevamo: parlare di “The Sound Of Perseverance” dei Death è come parlare del ghiaccio rosso. Il rosso non sta per qualcosa che ha che vedere col sangue, visto che si parla di death metal: il rosso è qualcosa che deve evocare nel vostro immaginario lo spettro emotivo connesso a quel tipo di vibrazione cromatica. Il rosso, cari lettori, è il colore di quelle passioni furenti che bruciano alimentate da un’ideale, estetico o quale altro esso sia: nel nostro caso Chuck Schuldiner ne aveva uno di perfezione, tutto suo, che è riuscito ad imprimere nelle canzoni di questo disco. Esse scorrono perfette, infatti, nel raccontarci lo spettro emotivo di un uomo di grande profondità, spesso additato come tiranno e ancora più spesso incompreso nelle sue motivazioni più nascoste. I pezzi che ascoltate ogni volta che mettete il disco nell’apposito lettore non hanno nulla di lasciato al caso: le loro strutture complesse, ricche ma mai ridondanti, affidano alla nostra percezione forme ordinate e cristalline che, luminose, richiamano appunto la bellezza essenziale di un cristallo di ghiaccio. Un disco come questo è il completamento di un percorso espressivo individuale, intrapreso nei lustri precedenti, che nasce dalle forme più estreme del genere heavy metal e si sviluppa semplicemente per garantire all’autore libertà espressiva totale, libertà di raccontare ad una porzione di mondo che la musica era la ragione per cui Chuck Schuldiner esisteva. Ecco perché non ci dovrebbe essere assolutamente sorpresa se dalle canzoni emergono influenze classicamente heavy metal: si tratta di codifiche metabolizzate da Schuldiner come influenze, che vengono in questo disco riassemblate secondo un approccio death metal. Cosa significa in effetti ciò? Che ogni elemento tipico, e distintivo, dei generi evidenziati si mostra nella sua veste più puramente funzionale: non avrete semplicemente il pezzo death metal con dentro anche una cavalcata di tre minuti, per dire; no, la cavalcata durerà il numero di battute che serve a farci capire che l’autore, in quel momento, aveva pensato così e l’aveva espresso in totale libertà: ascoltate “Spirit Crusher” e capirete cosa vogliamo dire in questo particolare caso. Lo stesso avviene per i cambi di tempo che deformano ogni composizione affinché la sua forma diventi qualcosa di meravigliosamente unico. Così è anche per gli inserti melodici, per i soli e per ogni cosa che componga questo disco: niente ridonda e niente ritorna, è un flusso continuo, una summa di esperienze ed idee, passate e presenti, che Chuck Schuldiner ha avuto voglia di illustrarci. E’ un po’ che parliamo (noi) e che leggete (voi): bisogna dunque fare un ragionamento conclusivo che, secondo chi scrive, è doveroso nei confronti di quest’opera; tutto quello abbiamo detto, infatti, ci lascia intendere che i Death, nell’ultimo capitolo della loro esistenza, avevano imparato come arricchire la loro proposta musicale con ciò che gravitava esternamente, generando un mezzo espressivo che sapeva fare uso integrato di molteplici linguaggi: signori, questo altro non è che l’intento più germinale di ogni cosa che voglia definirsi progressiva, nella sua accezione più vasta. Sì, lo abbiamo fatto, abbiamo usato per “The Sound Of Perseverance” il termine “prog”, così gelosamente custodito da tutti quelli che si seviziano il cervello con tempi storti e fini solamente a sé stessi, cercando di darci a bere che “i gusti sono gusti e i miei sono meglio”.

Nota: in separata sede vi ricordiamo che l’album in questione verrà ripubblicato dalla Relapse il 15/02/2011, con l’aggiunta di un secondo CD contenente vari demo come tracce bonus: 

“Spirit Crusher” (1998 demos, no bass)
“Flesh and the Power It Holds” (1998 demos, no bass)
“Voice of the Soul” (1998 demos, no bass)
“Bite the Pain” (1998 demos)
“A Moment of Clarity” (1998 demos)
“Story to Tell” (1998 demos)
“Scavenger of Human Sorrow” (1998 demos)
“Bite the Pain” (1997 demos)
“Story to Tell” (1997 demos)
“A Moment of Clarity” (1997 demos)
 
Si prevede anche una deluxe edition con un terzo CD, contenente: 
 
“Bite the Pain” (1996 demos)
“Story to Tell” (1996 demos)
“A Moment of Clarity” (1996 demos)
“Bite the Pain” (1996 demos, Paul Payne on vocals)
“A Moment of Clarity” (1996 demos, Paul Payne on vocals)
“A Moment of Clarity” (1996 demos, Chuck on vocals)
“Story to Tell” (1996 demos, Chuck on vocals)
“Bite the Pain” (1996 demos, Shannon Hamm on vocals)
“A Moment of Clarity” (1996 demos, instrumental)
“Bite the Pain” (1996 demos, instrumental)
“Story to Tell” (1996 demos, instrumental)
“Voice of the Soul” (1996 demos, instrumental)
“A Moment of Clarity” (1996 demos, instrumental)

TRACKLIST

  1. Scavenger Of Human Sorrow
  2. Bite The Pain
  3. Spirit Crusher
  4. Story To Tell
  5. Flesh And Power It Holds
  6. Voice Of The Soul
  7. To Forgive Is To Suffer
  8. A Moment Of Clarity
  9. Painkiller (cover Judas Priest)
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.