DEATH WOLF – IV: Come The Dark

Pubblicato il 09/12/2019 da
voto
7.0
  • Band: DEATH WOLF
  • Durata: 00:41:20
  • Disponibile dal: 10/12/2019
  • Etichetta: Regain Records
  • Distributore: Masterpiece

Streaming:

La creatura di Morgan Håkansson torna fra noi per il quarto episodio della sua discografia; e come suggerito dal titolo, si tratta del nuovo capitolo di una saga musicale che non punta certo a destare stupore, ma a portare avanti un obiettivo semplicissimo: divertirsi. L’approccio musicale è in linea di massima sempre quello: un heavy metal molto diretto, grezzo, dalle forti influenze horror nei testi e nell’immaginario; cresce però, rispetto ai primi tre album, la componente doom che pure già faceva capolino. Certo, si tratta di un doom che risiede principalmente negli arrangiamenti ribassati, nel ruolo primario del basso (non a caso suonato proprio da Morgan) e in rallentamenti ad effetto; i brani, infatti, restano ancora ben lontani da dilatazioni funeree e smisurate, optando quasi sempre per una durata immediata e per linee vocali e riff molto accattivanti. Ci possiamo quasi sbilanciare portando come termine di paragone i Candlemass di fine anni Novanta: anche dietro il microfono Valentin Mellström, pur fedele a un discorso di immediatezza rock, cede in alcuni brani a derive liturgiche, sebbene ci vengano in mente, appunto, quelle più edulcorate di Björn Flodkvist. Ciò si nota particolarmente nei brani conclusivi, dove anche il resto della band dilata le sonorità e vira verso una cupezza maggiore e più elaborata; a partire dall’arpeggio che apre “Serpents Hall”, un brano dove poi i Death Wolf giocano un po’ a fare i Paradise Lost, passando per la cadenzata e funerea “Into The Woods”, non priva di elementi quasi gothic, per arrivare alla vera novità del disco, ossia la conclusiva “Conquerors Dance”. Qui la sezione ritmica si trasfigura al limite del drum’n’bass – per quanto a bpm ridottissimi – e Mellström declama con pathos una linea vocale sofferta e lirica, non priva di richiami ai momenti più avvolgenti di band come The Mission o The Cult. Questi ultimi brani, francamente, sono quelli che alzano con decisione il voto complessivo; le prime sette tracce, analogamente a quanto sentito in passato, si limitano ad essere buoni e discretamente trascinanti episodi, scritti però con lo stampino. Vedremo se in futuro la svolta più ‘dark’ prenderà il sopravvento e i quattro svedesi sapranno stupirci.

TRACKLIST

  1. He Who Hates 03:33
  2. Edge Of The Wood
  3. Empower The Flame
  4. The Sword
  5. Funeral Pyre
  6. The Executioners Song
  7. Speak Through Fire
  8. Serpents Hall
  9. Into The Woods
  10. Iron & Flame
  11. Conquerors Dance
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.