DEATHSTARS – Termination Bliss

Pubblicato il 31/01/2006 da
voto
7.5
  • Band: DEATHSTARS
  • Durata: 00:44:04
  • Disponibile dal: 27/01/2006
  • Etichetta: Nuclear Blast
  • Distributore: Audioglobe

Dopo la ristampa di “Syntetic Generation” sotto Nuclear Blast tornano i Deathstars, pretendenti al trono del metallo cyber, gotico, sinfonico ed elettronico. Le coordinate del gruppo strisciano aderendo pesantemente a Manson, Rammstein e soprattutto agli scomparsi leader del genere, i grandiosi The Kovenant di “Animatronic” e del sottovalutato “S.E.T.I.” (ma dove sono finiti?). Un incubo elettronico e malvagio, marziale nei riff alla Rammstein e nei vocalizzi gutturali vicini al caro Lindemann, spaziale nei trip sinfonici, lussurioso come solo il Manson più osceno sa fare, cyber thrash come la creatura di Lex Icon. “Cyanide” è la canzone migliore mai composta dal gruppo semplicemente, capace di rendere l’idea della morbosità della formazione quanto della passione per l’oscuro, unita ad un’estetica squisitamente cyber glam. Il rischio di apparire troppo freddi o senz’anima è ovviato da una produzione spettacolare. Le credenziali ci sono visto che il gruppo è nato dalle ceneri degli Swordmaster e annovera ex-membri dei Dissection, in molti passaggi sotto la coltre di sinth ed effettistica varia si trova lo zampino dei Cradle Of Filth più lenti ed atmosferici. “Play God” si avvicina spaventosamente al singolo, ma tutto il disco fila liscio senza cadere nella pallida imitazione, indubbiamente cafone per le soluzioni adottate, sfacciatamente contaminato e ispirato dai nomi che contano, ma miscelato in maniera sapiente e capace. Furbescamente lontani da quella dark wave davvero troppo moscia, i Deathstars riescono a flirtare in maniera sapiente con dark ed EBM senza perdere in appeal metallico, regalando più di un passaggio ispirato. Unico difetto, la staticità dei tempi: le canzoni sono ritmicamente identiche, mai una accelerata o un rallentamento. Il risultato finale resta così pesantemente a rischio di skip, proprio un peccato. “Termination Bliss” è un ritorno gradito in sintesi, sicuramente un passo avanti rispetto al debutto, ma “Animatronic” resta di un altro livello.

TRACKLIST

  1. Tongues
  2. Blitzkrieg
  3. Motherzone
  4. Cyanide
  5. Greatest Fight On Earth
  6. Play God
  7. Trinity Fields
  8. The Last Ammunition
  9. Virtue To Vice
  10. Death In Vogue
  11. Termination Bliss
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.